Menu

logo new2015 okabbonamenti banner 750

  • 1
  • 2
Prev Next

Nel mare del Web

5web

Sei un genitore disperso nel mare del web? I tuoi figli navigano on line e non sai se vanno troppo al largo?

Per informarsi - senza impazzire e senza essere per forza degli “smanettoni” - un gruppo di genitori si è messo a studiare e ha voluto condividere, attraverso un sito internet, risorse, rischi e opportunità della Rete. È nato così okkioallacaccasulweb.it. Il nome è provocatorio, facile da ricordare e solo all’apparenza leggero. “C.A.C.C.A. è l’acronimo del metodo con cui abbiamo raccolto il materiale. Sono le cinque categorie di rischio a cui stare all’occhio: contenuti, attenzione, con gli effetti sullo sviluppo cognitivo e neurologico, comportamenti, contatti, ovvero i rischi legati all’entrare in contatto con persone potenzialmente pericolose, e acquisti, col capitolo su truffe, acquisti inconsapevoli, danni economici”, spiega l’ingegner Paolo Rossetti, professionista del settore informatico, docente all’Università della Svizzera Italiana e papà alle prese con tre figli affascinati dal mare magnum di Internet e dei social media.

È un sito di informazione ma anche di aggregazione, con un linguaggio accessibile a tutti, in cui comprendere i materiali che riteniamo più utili per diventare utilizzatori consapevoli. Non vogliamo fare gli esperti - precisa Rossetti - ma, come genitori, ci interessa creare un movimento, mettere in comune dubbi, scoperte, suggerimenti, per crescere insieme nella relazione con i nostri figli, anche rispetto al mondo del web. Ci vogliono modelli positivi. Bisogna stimolare i genitori a chiedersi: ma io cosa posso fare di bello sul web con mio figlio? Nel sito segnaliamo alcune chicche. Raccogliamo anche consigli, ma senza dare ricette perché in educazione ogni famiglia deve trovare la sua strada”.

Nessuna demonizzazione dei media. Ma volontà di riappropriarsi del proprio ruolo educativo sì. La richiesta ai genitori dunque è una sola: “iscrivetevi a www.okkioallacaccasulweb.it”.

Barbara Sartori

Leggi l’articolo a pagina 7 dell’edizione di venerdì 12 febbraio 2016.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente