Menu

logo new2015 okabbonamenti banner 750

  • 1
  • 2
  • 3
Prev Next

«Dopo di noi», incontri nel Distretto di Ponente

dopoDiNoiPon

È in programma il 22 giugno a Borgonovo il primo degli incontri informativi per le famiglie di persone disabili organizzati dalla Fondazione Pia Pozzoli - Dopo di Noi in collaborazione con l’Ufficio di piano del Distretto di Ponente.

Tre i cicli di incontri programmati, che si svolgeranno tra giugno e ottobre.

Il primo ciclo di incontri informativi affronterà il tema de “L’amministrazione di sostegno a garanzia del durante e dopo di noi”.
L’avvocato Vanessa Grisi, amministratore di sostegno, parlerà delle finalità della legge istitutiva, la nomina e i compiti dell’AdS, come dovrebbe inserirsi nel progetto di vita della persona con disabilità con il fine di mantenere per lei un’alta qualità di vita anche nel futuro.
Gli incontri si terranno, sempre dalle ore 10 alle 11.30, il 22 giugno ala Casa della Salute (ex ospedale) di Borgonovo e il 29 giugno alla Scuola Primaria di Rivergaro (Sala mensa, accesso da via Bonistalli).

Il secondo ciclo di incontri sarà dedicato al “Dopo di Noi e istituti giuridici di tutela”.
Il notaio Eloisa Alessandra Luini presenterà gli istituti giuridici che possono aiutare la famiglia a decidere serenamente per il “Dopo di Noi” a tutela della persona disabile.
Gli incontri si terranno, sempre dalle ore 10 alle 11.30, il 18 settembre al Centro Culturale di Castel San Giovanni (via Mazzini )e il 19 settembre alla Sala Comunale polivalente di Travo (via Anguissola).

Il terzo e ultimo ciclo di incontri tratterà de “Il Monitore come prosecuzione dello sguardo genitoriale”.
La psicologa Ilaria Fontana, collaboratrice della Fondazione Pia Pozzoli, parlerà della tutela della persona disabile nell’arco della vita attraverso la figura del “monitore”, trait d’union tra famiglia d’origine e servizi.
Gli incontri si terranno, dalle ore 10 alle 11.30, il 16 ottobre al Municipio di Gragnano e il 17 ottobre alla Sala riunioni dell'Unione Montana a Bobbio (via Garibaldi, 48).

Pubblicato il 19 giugno 2018

Ascolta l'audio

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.