Menu

logo new2015 okabbonamenti banner 750

  • 1
  • 2
  • 3
Prev Next

Africa Mission, «A tavola con Procida»

AM20ott

Ritorna sabato 20 ottobre, con la settima edizione, la cena solidale "A tavola con Procida" organizzata da Africa Mission: ancora una volta, i colori e i sapori dell'isola di Procida incontreranno quelli della cucina piacentina fondendosi con il gusto della solidarietà.
L'appuntamento è alle ore 20 nel salone della parrocchia di Santa Franca a Piacenza (piazza Paolo VI).
Novità della serata sarà la sfilata di moda, con abiti ricavati da stoffe africane disegnati dalla stilista varesina Emanuela, curata dal gruppo di Varese di Africa Mission.

Il menù della serata sarà a base di pesce procidano e sarà cucinato dai volontari, coadiuvati dallo chef professionista Antonio Anzalone.
Un poker di antipasti anticiperà il primo piatto, caserecce con sugo di pesce spada, peperoncino verde e pomodorini, seguito a sua volta dal filetto di orata al limone accompagnato da patate prezzemolate. A concludere il pasto ci saranno le immancabili sfogliatelle napoletane.
Non mancheranno sapori tipicamente piacentini: la cena sarà accompagnata dai vini delle nostre valli, offerti dalle cantine Ferrari & Perini Wine Group e Gaiaschi Vini.

«A Procida abbiamo una sede secondaria e i nostri volontari isolani sono molto attivi – spiega Carlo Ruspantini, direttore del Movimento – È il settimo anno che organizziamo questa cena, che ha il duplice scopo di farci riunire con i nostri amici parteneopei e di raccogliere fondi per i numerosi progetti che portiamo avanti in Uganda e che spaziano dal settore socio-educativo a quello agro-zootecnico».

La quota di partecipazione per adulto è di 30 euro e di 15 euro per i bambini fino a 12 anni.
Il ricavato della manifestazione servirà a sostenere i progetti dell'associazione attiva in Uganda da oltre 45 anni.

Per info e prenotazioni: oppure , tel. 0523.499424, cell. 320.4785085 oppure 334.2810761.

Pubblicato l'8 ottobre 2018

Ascolta l'audio

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.