Menu

logo new2015 okabbonamenti banner 750

  • 1
  • 2
  • 3
Prev Next

«1918-2018. La Grande Guerra», mostra a Palazzo Gotico

grandeGuerra

Sarà visitabile da domenica 4 novembre, in occasione del cerimoniale dei festeggiamenti per il centenario della Vittoria, la mostra "1918-2018. La Grande Guerra". Nel mattino la visita sarà riservata a stampa e autorità civili e militari, mentre il pubblico potrà accedervi dal pomeriggio (ore 15.30-18).

A Palazzo Gotico (Piacenza, piazza Cavalli) saranno esposte uniformi e cimeli tra cui equipaggiamenti, decorazioni, documenti e vari oggetti personali utilizzati dai nostri militari durante la Grande Guerra. Curatore della mostra è Alessandro Centenari.
I cimeli, tutti rigorosamente originali, sono stati raccolti e custoditi negli anni con grande cura da alcuni collezionisti privati (Paolo Stabilini, Fabrizio Giorgi, Giuseppe Cantoni, Filippo Lombardi e Alessandro Centenari) che in occasione del Centenario della Vittoria hanno deciso di esporli con il fine di preservare e tramandare nel tempo i valori e i sacrifici compiuti da coloro che hanno combattuto sui vari campi di battaglia esattamente 100 anni fa.
Il
2° Reggimento Genio Pontieri e il Polo di Mantenimento Pesante Nord partecipano esponendo propri materiali e cimeli che vanno ad arricchire ulteriormente la varietà dei reperti messi in mostra.
Per l’apertura al pubblico è stato progettato un “laboratorio scolastico” che vede protagonisti alcuni studenti del Liceo Melchiorre Gioia di Piacenza in qualità di guide. Essi aiuteranno i visitatori a calarsi nell’atmosfera degli anni che vanno dal 1915 al 1918 per meglio comprendere cosa hanno significato per gli italiani, ma non solo, questi tragici anni di guerra.

La mostra è stata organizzata dal Anget (Gruppo nazionale specialità pontieri) in collaborazione con il 2° Reggimento Pontieri, l'Esercito, il Polo di mantenimento pesante Nord, con il patrocinio del Comune di Piacenza e gode del contributo di Banca di Piacenza, Metronotte Piacenza, Serinord e Blacklemon.

L'ingresso è libero.
Orari di visita:
mercoledì e venerdì ore 15.30-18.00; sabato e domenica 9.30-12 e 15.30-18.
Apertura straordinaria lunedì 24 dicembre: 9.30-12 e 15.30-18.

Nel corso della mostra si svolgeranno alcune conferenze, anch'esse a ingresso libero, organizzate dal dott. Filippo Lombardi, curatore della collana "Piacenza in Grigioverde".
Il primo incontro sarà il 10 novembre alle ore 17 all'
Auditorium Sant'Ilario (Piacenza, via Garibaldi 17).
Due i temi che verranno trattati:
“Eloisa Gardella, una dottoressa piacentina arruolata dalla C.R.I: dalla Guerra di Libia alla Grande Guerra”, relatore Elena Branca, socia ANSMI, cultrice di storia della C.R.I. e della Medicina, e “Soldati italiani in Macedonia: una storia dimenticata”, relatore: Vincenzo Dalai del gruppo di studio “Progetto Armata d’Oriente”).
Il 24 novembre, sempre alle 17 in
Sant'Ilario, “La figura del giornalista di guerra dalla Prima Guerra Mondiale alle operazioni di peace-keeping” con i giornalisti Ippolito Negri e Gianfranco Salvatori, e “Note dalla Grande Guerra dai diari delle Crocerossine” con l'Ispettorato Infermiere Volontarie Voghera e il maestro Cinzia Ricciardi, volontaria C.R.I., al flauto traverso.
Il 1° dicembre ore 17 a Palazzo Galli della Banca di Piacenza (Piacenza, via Mazzini 14, Sala Panini), “Il cinema a Piacenza nella Grande Guerra. Immagini, linguaggio, fenomeno del divismo” (contestuale presentazione del relativo volume) con il giornalista cinematografico Enzo Latronico e a seguire “L'organizzazione logistica del Regio Esercito durante la Prima Guerra Mondiale. L'esperienza piacentina”, relatore il magg. David Vannucci dell'Esercito Italiano.
L'ultima conferenza è in programma il 15 dicembre alle ore 17 nel Salone d’onore di Palazzo Gotico: il ten. col. Massimo Moreni dell'Esercito Italiano interverrà sul tema “L’Arma del Genio nella Grande Guerra: Reggimenti e specialità”, mentre il dott. Filippo Lombardi e il generale in quiescenza Eugenio Gentile parleranno de “La Direzione di Artiglieria di Piacenza nel corso della Grande Guerra”.

Pubblicato il 25 ottobre 2018

Ascolta l'audio

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.