Menu

logo new2015 okabbonamenti banner 750

  • 1
  • 2
Prev Next

Il maestro del colore D'Anty al Museo Collezione Mazzolini

dAnty

Sabato 6 aprile alle ore 17 al Museo Collezione Mazzolini di Bobbio (piazza Santa Fara) si inaugura l’esposizione dedicata a Henry d’Anty (Parigi, 1910-1998), definito dalla critica "un alchimista del colore".

Viene proposta una selezione di opere appartenenti alla Collezione, tra disegni monocromi e dipinti, in un viaggio tra i temi più cari al pittore, che aveva una predilezione per i paesaggi bretoni, i clowns, le nature morte.
Nella sua opera pittorica D'Anty propone una tavolozza declinata prevalentemente sui toni accesi del rosso, del blu, del giallo ocra e del bianco. 

La mostra, organizzata dall’Ufficio beni culturali ecclesiastici della diocesi in collaborazione con Cooltour s.c., è corredata da un apparato didattico a cura di Susanna Pighi (Ufficio beni culturali) e Luca Maffi (Cooltour).

L'esposizione sarà visitabile fino all'11 agosto.
In aprile, maggio e giugno al sabato (ore 15.30-18), domenica e festivi (ore 10.30-12.30 e 15.30-18); in luglio e agosto da mercoledì a sabato (ore 15.30-18), domenica e festivi (ore 10.30-12.30 e 15.30-18).
Per informazioni: Ufficio Beni Culturali della Diocesi di Piacenza Bobbio,
, 0523.308329; Cooltour, .

Quattro le visite guidate "Speciale d'Anty", tutte con inizio alle ore 15.30 e ad un costo di 6 euro, comprensivo di ingresso al museo:
- 7 aprile, Henry d’Anty e la magia del colore
- 5 maggio, Arte come "mimesis”: la inedita raccolta di disegni
- 22 giugno, Tra favola e sogno: lo splendore della luce negli oli di d’Anty
- 6 luglio, Tante opere un solo amore: la Bretagna.
Per informazioni: Cooltour, , 340.5492188, 331.4606435

Pubblicato il 4 aprile 2019

Ascolta l'audio

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente