Menu
logo new2015 ok logo appStore logo googleStore
  • 1
  • 2
Prev Next

Festa di Laurea dell’Università Cattolica

Un evento gioioso che ha gremito la Cattedrale di Piacenza il 25 maggio

festalaurealancio

Il 25 maggio si è svolta nella Cattedrale di Piacenza la Festa di Laurea dell’Università Cattolica con la messa presieduta dal vescovo mons. Gianni Ambrosio che ha espresso parole di elogio ai 312 laureati.
Il sindaco Patrizia Barbieri, con il direttore della Cattolica Mauro Balordi e i presidi di facoltà Annamaria Fellegara, Marco Trevisan, Luigi Pati e tutti i docenti, in abbigliamento accademico, in prima fila, hanno partecipato all’avvenimento.

“L’università è una comunità educativa dove, attraverso l’insegnamento e la ricerca, si cammina insieme, si lavora insieme, e grazie all’amicizia si cresce come persone in umanità”, ha sottolineato il Vescovo durante l’omelia.
Il clima di famiglia si respira in modo particolare nell’università piacentina che - secondo il presule - nella festa di laurea ha espresso la grande gioia per il cammino fatto insieme con impegno, dedizione e sacrificio.
“Anche nell’esperienza umana desideriamo essere e lavorare insieme - ha affermato mons. Ambrosio -; da soli non si può vivere, non siamo in grado di raggiungere nessuna meta, la solitudine è tristezza e incute paura, timore e ansia. Nel cuore di tutti sempre vi è questo desiderio di una presenza amica e, nell’ambito della fede, il Signore Gesù ci dona la sua amicizia, la sua presenza grazie al dono dello Spirito Santo”.
Le parole di augurio del Vescovo hanno poi ripreso quelle di papa Francesco che rivolgendosi ai giovani nel recente Sinodo a loro dedicato li ha esortati a essere protagonisti del bene: “respirate l’aria pulita dell’onestà, amate la bellezza”.
Le splendide note musicali del coro “Collegium vocale di Crema” hanno accompagnato la celebrazione che si è conclusa all’esterno con il lancio del tocco, il classico berretto quadrato, sulla scalinata del Duomo.

Riccardo Tonna

Pubblicato il 27 maggio 2019

Ascolta l'audio

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente