Menu

logo new2015 okabbonamenti banner 750

  • 1
  • 2
Prev Next

Giardini più sicuri grazie al Grest di San Savino

grestSsavino

“Abbiamo voluto ringraziare personalmente don Alphonse Lukoki e i ragazzi dell’Unità Pastorale 1 per l’impegno e per il coinvolgimento diretto nella rivitalizzazione del quartiere, in particolare per la scelta di fruire dei Giardini Margherita per due ore al mattino e altrettante al pomeriggio, dal lunedì al venerdì, come fulcro delle attività estive". Così ha affermato Luca Zandonella, assessore a Sicurezza e Partecipazione del Comune di Piacenza, all'incontro nei giorni scorsi con i bambini e gli educatori che animano il Grest della parrocchia di San Savino.
"Si tratta di un’idea che don Lukoki ha condiviso con l’Amministrazione comunale nei diversi incontri avuti con il sindaco Patrizia Barbieri e con il sottoscritto - ha proseguito l'Assessore -, trovando il nostro pieno appoggio per l’utilizzo dell’area verde”.
All'incontro ha partecipato anche il comandante della Polizia Locale Giorgio Benvenuti.

Il Grest di San Savino, iniziato il 10 giugno, si protrarrà sino alla prima settimana di luglio, con un nutrito gruppo di giovanissimi utenti ed educatori: “Un’esperienza di successo che intendiamo ripetere in futuro – aggiunge l’assessore Zandonella – perché un parco monumentale frequentato ogni giorno da tanti ragazzi, che portano entusiasmo ed energia positiva, è una realtà dove vivibilità e sicurezza aumentano".
"Un primo passo importante - ha concluso - verso l’obiettivo di giardini resi più belli e accoglienti da eventi, manifestazioni e iniziative che si susseguano con costanza: giardini da vivere, come indica il nome del progetto che il Comune sta portando avanti, con il sostegno della Regione, insieme a numerose realtà del territorio”.

Pubblicato il 25 giugno 2019

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente