Menu
logo new2015 ok logo appStore logo googleStore
  • 1
  • 2
Prev Next

La Pellegrina raccontata dagli studenti

“Il Buco” del Liceo Respighi ha vinto il concorso di Svep sul volontariato

pellegrinaProgettoVip

È “Il Buco”, il giornale del Liceo Respighi di Piacenza, con un servizio sulla casa per malati di Aids “Don Venturini” (leggi qui il testo), la testata vincitrice del concorso “Il volontariato con parole nostre” indetto da Svep per raccontare le esperienze di alcuni testimonial nell’ambito del progetto “Vip”. La consegna è avvenuta il 5 dicembre ai Teatini in occasione della Giornata internazionale del volontariato.
Hanno ricevuto l’attestato di partecipazione “L’eco di Giulia” dell’Istituto Colombini con Eleonora Tala e Sofia Scazzariello (referente prof. Sergio Lomi), “The Mente” dell’Istituto Romagnosi con Sofia Dotti e Letizia Vargiu (referente prof.ssa Paola Cordani), menzione speciale al “Mattei’s blog” dell’istituto Mattei di Fiorenzuola, per aver dato voce all’impegno dell’associazione “Fiorenzuola Oltre i confini”, con Martina Cattani, Suha Marmash, Mariarosaria Cipolletta, Anna Fossati e Mattia Pellegrini (referente prof.ssa Michela Pisu).
La redazione vincitrice è quella de “il Buco” con Matilde Galliano, caporedattore, e la collega Gloria Gaffuri (referente prof.ssa Marina Avanzini) con questa motivazione: “Il servizio presenta una scrittura accurata e un tocco di intelligente creatività che interpretano bene la generosità dell’esperienza osservata e vissuta alla Pellegrina. Il corredo fotografico risulta efficace”.
A comporre la giuria, il direttore di Libertà Pietro Visconti, l’ex direttore Gaetano Rizzuto, i giornalisti Elena Camminati (Zerocinqueduetre), Paola Pinotti (Piacenzasera.it) e Matteo Billi (Agenzia Sir e Il Nuovo Giornale).

Pubblicato il 6 dicembre 2019

Ascolta l'audio

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente