Menu
logo new2015 ok logo appStore logo googleStore

La scomparsa di don Raffaele Barilati

don raffaele barilati

E’ morto don Raffaele Barilati.
Il sacerdote nato a Biana il 18 ottobre 1928, è stato ordinato il 7 giugno 1952. Dopo l’ordinazione è stato curato a Gossolengo dal ‘53 al ‘55, poi a Travazzano e nel 1956  nella parrocchia di San Sisto.
Nel 1956 la nomina di parroco a Bardi. Rinuncia alla parrocchia nel novembre del 1966 per trasferirsi a Roma dove frequenta il corso di cappellano militare. Nel 1967 è cappellano in fanteria a Sulmona ed a Palmanova, in provincia di Udine. Nel 1970 consegue il brevetto di paracadutista.
E' stato missionario in Texas dal 1990 al 1999.
Dal 2000 al 2011 ha svolto il suo ministero stato a Scandicci, in Toscana, come catechista itinerante del Cammino neocatecumenale.

“La mia esperienza di sacerdote è variegata – disse don Raffaele in un'intervista al Nuovo Giornale in occasione dell'anniversario del suo sessantesimo di sacerdozio - : sono stato per anni cappellano militare ed ho avuto la possibilità di conoscere molti giovani”. Restano indelebili i ricordi degli anni al Collegio Alberoni “quando - raccontò - ci alzavamo  alle 5. 30 della mattina. “Il compito di noi sacerdoti - aggiunse -  è  predicare Cristo ed il suo Vangelo, portando questa ricchezza in opere sociali”.
Il funerale si terrà mercoledì 5 agosto alle ore 10 nella chiesa parrocchiale della SS. Trinità a Piacenza e sarà presieduto dall’Amministratore Apostolico mons. Gianni Ambrosio.
Martedì 4 agosto alle ore 20.30 nella cripta della chiesa parrocchiale della SS. Trinità sarà celebrata una veglia funebre.

Pubblicato il 3 agosto 2020

Ascolta l'audio   

Commenti   

0 # Alberto Fontanella 2020-08-11 08:56
È nel cuore e nei ricordi di tanti Paracadutisti in congedo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente