Menu

La chiameremo Rosa Maria

18inesSuor Leonella e noi: la devozione alla Madonna

Suor Leonella e Maria: il legame con la Madonna è fondamentale nella vita della missionaria della Consolata. Alla Madonna – grazie alla quale la Consolazione si è fatta carne – è ispirata la Congregazione del beato Allamano in cui suor Sgorbati ha speso la sua vita.
Ma la consacrazione a Maria è avvenuta già nel grembo della mamma: la religiosa è stata battezzata con il nome di Rosa Maria ed è nata alle 5 del mattino del 9 dicembre 1940.
Mamma Teresa per la festa dell’Immacolata col suo pancione non aveva rinunciato alla messa e ai Vespri nella chiesa di Rezzanello.

La devozione a Maria ha fatto parte della pedagogia dell’amore dei genitori anche per Ines Guarnieri, originaria di Rustigazzo.
Dopo un periodo di allontanamento dalla fede, è ancora Maria – attraverso l’incontro e l’amicizia con una vicina di casa malata – ad averla chiamata “a casa”, nel santuario di Santa Maria di Campagna a Piacenza.
“Non capivo cosa il Signore volesse da me. Un pomeriggio ho ricevuto quattro telefonate di persone che vivevano una situazione difficile. Non potevo che pregare per loro”. Così Ines, che sta facendo il percorso di formazione nell’Ordine francescano secolare, ha scoperto la sua “vocazione” nella comunità: la vicinanza ai malati e la preghiera del rosario per chi soffre.

Pubblicato il 4 maggio 2018

Ascolta l'audio

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.