Menu

Amare è una scelta

31fdf mascherin


Le giovani coppie sono molto più sole di una volta, hanno meno tempo da dedicare alla famiglia, si è obbligati a lavorare tutti e due per pagare un affitto o un mutuo. “È difficile trovare persone che li aiutino a stare insieme. La nostra professione può accompagnarli a ritrovare la motivazione, ad ottimizzare i tempi, ad ascoltarsi e ascoltare, a gestire gli spazi di casa, il potere all’interno della famiglia, le emozioni, sia per quanto riguarda la coppia che il rapporto coi figli. Attraverso l’ascolto, facciamo da specchio alle persone e le aiutiamo a tirar fuori le risorse che hanno dentro di sé”.

Raffaella Mascherin, consulente familiare, 10 figli, presidente insieme al marito dell’Associazione Nazionale Famiglie Nuermose, interviene a Palazzo Galli (Piacenza, via Mazzini 14) domenica 16 settembre alle ore 10 nell’ambito della Grande Festa della Famiglia.
“Innamorarsi capita. Amare è una scelta” il tema dell’incontro. Con lei interviene Raffaello Rossi, direttore della Scuola di formazione per consulenti della coppia e della famiglia di Bologna.

In Italia il consulente familiare è riconosciuto dal 2014 come professione non ordinata. Chi esercita la professione deve aver svolto un preciso percorso formativo ed essere iscritto all’Associazione Italiana Consulenti Coniugali e Familiari.
“Come Associazione Famiglie Numerose abbiamo constatato come diverse coppie siano in difficoltà, per questo abbiamo stipulato una convenzione con la Scuola di Formazione per Consulenti della Coppia e della Famiglia di Bologna che segue un approccio basato sulla psicologia umanistica di Carl Rogers. Ora - annuncia Mascherin - speriamo di poter aprire anche a Piacenza una sede della scuola; chi è interessato si faccia avanti!”.

Pubblicato l’11 settembre 2018

Ascolta l'audio

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.