Menu

Il Vescovo annuncia le sue dimissioni

Mons. Ambrosio invia al Papa la lettera in vista del compimento del suo 75° anno di età. La notizia è stata data al Consiglio presbiterale

ambrosio e papaOR

Mons. Gianni Ambrosio, reduce dal costruttivo viaggio a Bruxelles a contatto con le istituzioni dell’Unione Europea con gli altri Vescovi della regione, ha comunicato al Consiglio presbiterale diocesano, nella riunione di giovedì 22 novembre, di aver inviato a papa Francesco, in vista del compimento del suo 75° anno di età, il prossimo 23 dicembre, la lettera di rinuncia al governo pastorale della diocesi di Piacenza-Bobbio.
Il suo incarico potrà proseguire, in base alle decisioni del Papa, nei mesi successivi fino alla nomina del successore.

Dando voce ai sacerdoti presenti, il vicario generale mons. Luigi Chiesa ha espresso gratitudine per il servizio svolto dal Vescovo nella nostra diocesi: “La accompagneremo fin d’ora nelle nostre parrocchie con la preghiera”.
Mons. Ambrosio ha poi spiegato che, a motivo soprattutto della presenza della propria madre, che nei mesi scorsi ha superato i cento anni di età, il suo progetto è di rimanere a vivere a Piacenza nell’appartamento della Curia, già abitato da don Luciano Zangrandi. “La decisione definitiva – ha aggiunto – sarà presa in comunione con il Vescovo che verrà a guidare la diocesi”.

Il Consiglio presbiterale ha poi preso in esame il problema del futuro delle strutture ecclesiastiche nelle piccole realtà, dove la popolazione è molto diminuita e non si è più in grado di conservare questi beni in modo adeguato.
“La diocesi non vende le chiese, ma, là dove è necessario, le aliena per la loro conservazione, L’obiettivo della diocesi – ha detto il Vescovo - non è di guadagnare vendendo chiese e canoniche, ma di far sì che questi beni possano essere conservati in buono stato e che sia possibile utilizzarli ancora per il culto, anche se, in seguito all’alienazione, avranno altri proprietari. Una possibile soluzione - ha aggiunto - potrebbe essere anche la collaborazione tra le parrocchie della città e dei grandi centri e quelle di montagna, cosa che valorizzerebbe sul piano pastorale quelle strutture oggi poco utilizzate.
Le chiese non hanno, di per sé, un valore economico – ha precisato l’architetto Manuel Ferrari, direttore dell’Ufficio beni culturali della diocesi di Piacenza-Bobbio -. Potremmo anche cederle gratuitamente, a condizione di trovare persone che ci aiutino a conservare questi immobili e a preservare la loro destinazione d’uso per il culto, cosa che garantirebbe la continuità della presenza della comunità cristiana sul territorio.

Sul futuro dei beni ecclesiastici nelle piccole parrocchie, che sono numerose nella nostra diocesi - ha detto a sua volta mons. Chiesa - occorre definire come Consiglio Presbiterale linee comuni da seguire. La sinodalità, cioè il lavoro insieme, è il metodo da seguire in ogni nostro ambito di lavoro.
La nostra diocesi – ha detto a sua volta don Paolo Cignatta, coordinatore degli Uffici pastorali – sta valutando una riforma pastorale della propria struttura organizzativa. Questa analisi potrà guidarci anche sul piano degli edifici, favorendo una visione unitaria su questi problemi che coinvolga anche gli organismi di partecipazione.
La questione è stata poi affrontata mettendo in luce soprattutto gli aspetti tecnici. L’economo diocesano don Piero Bulla ha precisato che questa problematica è regolamentata da un documento del 2014 della Santa Sede attraverso la Congregazione per il clero. È a questo organismo vaticano che va richiesta, secondo il Codice di diritto canonico all’articolo 1291, la possibilità di alienare ciò che fa parte del patrimonio stabile della diocesi. Ha ribadito inoltre la procedura che è molto rigorosa: la domanda viene indirizzata al Vescovo e viene analizzata dall’Ufficio beni culturali e dall’Ufficio tecnico della diocesi. Successivamente si interpella anche il Consiglio economico diocesano (che approfondisce gli aspetti economici) e il Collegio dei consultori (che valuta invece soprattutto l’aspetto pastorale). Il passaggio successivo è l’invio della richiesta alla Sovrintendenza in Regione e alla Congregazione del clero.
L’architetto Ferrari ha poi precisato che la Conferenza episcopale italiana ha rivisto il meccanismo dell’8 per mille per i fondi da destinare al restauro dei beni di culto. Viene chiesto, infatti, nei vari casi, uno studio di fattibilità dei lavori previsti tenendo presenti diversi aspetti, dalle esigenze pastorali e liturgiche a quelle sociali. In futuro – ha puntualizzato – proseguiremo favorendo interventi di manutenzione su strutture nel vasto territorio diocesano o si andrà nella direzione di concentrare le risorse economiche nelle realtà che hanno un futuro sul piano sociale e pastorale? Ad ogni vicariato – ha concluso – compete fare una riflessione su queste problematiche per quanto riguarda il proprio territorio, riflessione che andrà poi condivisa a livello diocesano.

Nel dibattito che è seguito, i sacerdoti hanno condiviso la linea esposta e hanno sottolineato l’importanza del coinvolgimento delle comunità e la stessa cura della comunicazione nelle comunità.
Il Vicario Generale prima di concludere ha informato circa alcune iniziative diocesane, in particolare l’ordinazione presbiterale di Simone Tosetti e la commemorazione di Madre Maria Teresa Tosi, nel centenario della sua nascita.

La lettera del Vescovo al Papa
“Santo Padre, invoco su di me
e su questa Chiesa la sua benedizione”

“Santo Padre, avvicinandosi la data del compimento dei miei 75 anni, il 23 dicembre 2018, presento la rinuncia al governo pastorale della diocesi di Piacenza-Bobbio”. Inizia così la lettera inviata in data 20 novembre 2018 dal vescovo mons. Gianni Ambrosio a papa Francesco.
“Colgo l’occasione – prosegue - per rendere grazie al Signore con le parole del salmo: «Che cosa renderò al Signore per tutti i benefici che mi ha fatto? Alzerò il calice della salvezza e invocherò il nome del Signore. Adempirò i miei voti al Signore, davanti a tutto il suo popolo» (Sal 116,12-14). È motivo di grande gioia rendere grazie al Signore in filiale comunione con il Vescovo di Roma e Successore di san Pietro e con la Chiesa diocesana che il Signore mi ha affidato e che ho amato e servito. Desidero anche esprimerLe, Santità, il mio fraterno ed episcopale apprezzamento per il ministero petrino che sta attuando con spirito di dedizione, con coraggio e con umiltà: assicuro la vicinanza, la fedeltà e la preghiera perché la luce di Gesù Cristo, nostro Salvatore, brilli al di sopra di ogni umana miseria e di ogni peccato”.
Mons. Ambrosio ricorda poi uno dei più intensi incontri tra la nostra diocesi e il Pontefice argentino. “Quando Lei concesse ai giovani di Piacenza-Bobbio la straordinaria udienza in san Pietro il 28 agosto 2013, su suggerimento degli stessi giovani – erano più di 500, con circa 30 sacerdoti - mi rivolsi a Lei dicendo «Carissimo Papa Francesco». Lo ripeto anche questa volta, perché è ancora viva in tutti noi la gioia di averLa incontrarla e di aver visto in Lei, Pastore della Chiesa universale, un padre buono che ama i suoi figli. Alcuni giovani Le chiesero un selfie e Lei, amabilmente, acconsentì: quel selfie andò su tutti i giornali, compreso il New York Times. Grazie del dono di quell’incontro, grazie anche delle diverse udienze a cui ho avuto la gioia di partecipare in quanto vice-presidente della Comece”.
“Santo Padre - conclude il Vescovo -, invoco su di me e su questa Chiesa l’Apostolica Benedizione mentre Le assicuro la preghiera mia personale e di tanti fedeli di questa Chiesa”.

Pubblicato il 22 novembre 2018

Ascolta l'audio

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.