Menu

Mons. Ambrosio continuerà a guidare la diocesi

Il Papa proroga l’incarico per ancora almeno un anno

vescovoAmbrosio FotoDELPAPA

Monsignor Gianni Ambrosio continuerà a guidare la nostra diocesi per ancora almeno un anno.
La nunziatura apostolica in Italia, nella persona del nunzio Emil Paul Tscherrig, ha comunicato la decisione di Papa Francesco in merito alla rinuncia del governo pastorale, per raggiunti limiti di età, presentata da mons. Ambrosio il 20 novembre scorso.
“Il Santo Padre – si legge nella comunicazione – accetta la rinuncia, ma concede la proroga di almeno un anno” all’incarico di pastore della nostra Chiesa diocesana.

Mons. Ambrosio, eletto alla sede vescovile di Piacenza-Bobbio il 22 dicembre 2007, è stato ordinato Vescovo nella Cattedrale di Piacenza il 16 febbraio 2008. Nella stessa circostanza ha preso possesso della diocesi.
In vista del compimento dei 75 anni di età, il 23 dicembre 2018, aveva inviato a novembre la lettera di rinuncia al governo pastorale della diocesi al Papa. Rinuncia che, dunque, è stata sì accettata, ma concedendo che per almeno ancora un anno mons. Ambrosio continui ad essere la guida della nostra comunità diocesana.

“Tutta la comunità dei fedeli della diocesi di Piacenza-Bobbio è grata a Papa Francesco per la decisione assunta, segno di fiducia e di stima per il ministero del nostro Vescovo - fa sapere in una nota il vicario generale, mons. Luigi Chiesa -. Invoca sul proprio Pastore abbondanti doni dello Spirito affinché continui il Suo appassionato servizio nel nome del Signore. Maria Ss.ma, Madonna del Popolo; i santi patroni Antonino e Colombano, i beati Scalabrini e Leonella, accompagnino la nostra Chiesa nel cammino di comunione e missione”.

Pubblicato il 10 gennaio 2019

Ascolta l'audio

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.