Menu

Il curato d'Ars piacentino

Presentato al Pilastro il libro su don Giuseppe Villa a 140 anni dalla nascita

dGVilla

“Don Giuseppe sapeva unire al rigore morale una buona dose di allegria e comicità. Ricordo che capitava, nelle sere di estate, sentire bussare alla porta di casa: era don Giuseppe con un cappellaccio in testa e la zappa tra le mani che si era travestito così per farci divertire. Ma don Giuseppe era anche un uomo di preghiera. Trascorreva diverso tempo durante la giornata seduto su una panca davanti al Santissimo e lo faceva anche d’inverno con il freddo coperto dal suo tabarro”. Così Giuseppe Perotti (primo da destra, nella foto) ricorda don Giuseppe Villa, primo parroco del santuario della Beata Vergine del Pilastro, elevato a parrocchia grazie al suo impegno.
Don Villa è il protagonista del libro "Don Giuseppe Villa. Il curato d'Ars piacentino" presentato nei giorni scorsi al santuario del Pilastro. Scritto da Barbara Sartori, è edito da Edizioni Il Duomo di Piacenza.

Fu don Giulio Cella, prima parroco di Cattaragna e poi di Centora, a paragonare al Curato d’Ars lo storico parroco del santuario della Madonna del Pilastro.
Il Santo, al secolo Giovanni Maria Vianney, divenuto sacerdote venne destinato in un borgo a pochi chilometri da Lione e, nella laica Francia dell’800, trasformò letteralmente la sua parrocchia grazie a un’instancabile preghiera e al ministero della confessione.

Alla presentazione è intervenuto, oltre all’autrice e a Giovanni Perotti, il rettore del Pilastro don Michele Malinverni; hanno portato la loro testimonianza la 98enne Santina Locardi con la figlia e Vincenzo Perotti.
Don Villa è sepolto nella chiesa del Pilastro.
Ad agosto è in programma la presentazione della pubblicazione a Poggio di Groppallo, luogo natale di don Villa.

Pubblicato il 25 giugno 2019

Ascolta l'audio

Commenti   

0 # Guglielmetti Pietro 2019-06-29 13:44
Ricordo con molto piacere quello che e stato scritto
Bello ricordare certe cose quando avevi circa 5/6 anni
Ringrazio Perotti Giovanni e tutti quelli che hanno partecipato a creare questo bellissimo libro
Grazie di Cuore
Guglielmetti Pietro
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente