Menu

26 maggio, solennità del Corpus Domini

26 maggio, solennità
del Corpus Domini

In Cattedrale messa presieduta dal Vescovo con conferimento del mandato
ai nuovi ministri straordinari della comunione e 
processione per le vie del centro


19corpusDomini mistraletti

Giovedì 26 maggio è in programma a Piacenza alle ore 20.30 in Cattedrale la messa per la solennità del Corpus Domini. Presiederà la celebrazione il vescovo mons. Gianni Ambrosio. Seguirà la processione con il SS.mo Sacramento per le vie del centro città.
Durante la messa il Vescovo conferirà il mandato a 19 nuovi ministri straordinari della comunione che in queste settimane hanno seguito il corso di preparazione coordinato da mons. Carlo Tarli.
Questi sono i nuovi ministri: Carla Pattori e Sonia Sckokay della parrocchia del Preziosissimo Sangue a Piacenza; Maria Carmela D’urso, Annunciata Gervanoni, Caterina Mazzocchi, Michele Mazzone e Mario Tondini di San Giuseppe Operaio a Piacenza; Paola Testolina della basilica di Santa Maria di Campagna; Maria Rita Pollorsi e Benedetta Giunta Patellaro di San Paolo; Clara Pulzoni di Santa Teresa; Leonardo Moccia, Marco Pasquali, Paolo Urbini e Liliana Villa della SS. Trinità; Silvana Piacenza della chiesa dell’Immacolata di Lourdes; Marco Margari della chiesa di San Carlo dei Padri Scalabriniani; Maria Denis Marenghi di Bacedasco Alto; Giulia Mangia di Bacedasco Basso; Laura Botti e Gianni Barani di Besenzone; Graziella Costa di Bramaiano; Maria Giulia Da Silva e Renzo Scarabelli di Castelsangiovanni; Adriano Ballerini e Mauro Rai di Pieve Dugliara; Nadia Raspino di San Nicolò; Angelo Zibra di S. Stefano Lodigiano.

Dopo il mandato, si svolgerà l’assemblea di tutti i ministri straordinari della comunione sabato 28 maggio alle 14.45 al santuario di Santa Maria di Campagna in piazzale delle Crociate a Piacenza. Al termine, celebrazione eucaristica e consegna ai ministri interessati del rinnovo delle facoltà dei tesserini vidimati.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente