Menu

La speranza nel sangue di Belfast

La speranza
nel sangue di Belfast

La testimonianza di Sally MacAllister, manager del Gen Verde

24mcAllister

Sally McAllister oggi è la manager del Gen Verde, che in questi giorni ha fatto tappa a Castelsangiovanni. Ad architettare l’evento, insieme ai sacerdoti della parrocchia, il focolarino castellano Carlo Poggi, oggi impegnato a Liverpool in Gran Bretagna.
Dai workshops con i giovani della parrocchia al concerto al cinema Moderno: il complesso di 22 ragazze di 14 nazioni legato al Movimento dei Focolari ha lanciato ancora una volta il suo messaggio di pace attraverso la musica.

— Sally, qual è la tua storia?
Sono cresciuta a Belfast in un quartiere popolare, nel clima degli scontri violenti dell’Irlanda del Nord tra unionisti protestanti e repubblicani cattolici.
La mia era una famiglia cattolica, ma all’età di 17 anni ho iniziato ad allontanarmi dalla Chiesa: vedevo attorno a me tante ingiustizie, tanti che morivano, molta incoerenza. A 17 anni sei molto presuntuosa, pensi di aver sempre ragione.
Per me, allora, gli unici che veramente davano la loro vita per ciò in cui credevano erano i terroristi. Dovevo seguire loro?

Leggi l'intervista a pagina 14 dell’edizione de "il Nuovo Giornale" di venerdì 24 giugno 2016
Video sull'edizione digitale 
(accesso gratuito per 30 giorni con la sola registrazione)

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente