Menu

Servizio Civile, i progetti nel Piacentino

Servizio civile

C’è tempo fino all’8 febbraio alle ore 14 per inviare la richiesta di adesione ai progetti per il Servizio Civile Universale. Le richieste possono essere inviate solo on line line tramite Spid (Sistema Pubblico di Identità Digitale); si può presentare una sola domanda per un unico progetto. Sono oltre cento i posti disponibili nel Piacentino. La proposta è rivolta a giovani dai 18 ai 28 anni.

Tutti i progetti possono essere consultati sul sito https://www.scelgoilserviziocivile.gov.it.


Caritas diocesana di Piacenza-Bobbio
La Caritas diocesana di Piacenza-Bobbio seleziona 16 operatori volontari nell'ambito di quattro progetti.

• Il progetto “CITTADINI DEL MONDO - PIACENZA" relativo all’ambito dell'Educazione e promozione alla pace, dei diritti e della nonviolenza, prevede l’inserimento di 4 giovani presso la sede Ufficio Mondialità in via Giordani n. 21 a Piacenza;

• Il progetto "FIREWORKS - PIACENZA" relativo all'ambito Assistenza minori e giovani in condizioni di disagio o di esclusione sociale, prevede l'inserimento di 4 giovani presso la sede del Centro Educativo Tandem in Piazzale delle Crociate n. 3 a Piacenza;

• il progetto "RIPARTIRE DAL CENTRO - PIACENZA" relativo all'ambito Assistenza adulti e terza età in condizioni di disagio prevede l'inserimento di 4 giovani (con 2 posti riservati a giovani con minori opportunità per difficoltà economiche) presso la sede Centro di Ascolto Diocesano in via Giordani n. 21 a Piacenza;

• il progetto "RACCOLTI - PIACENZA" realtivo all'ambito Agricoltura sociale prevede l'inserimento di 4 giovani (con 2 posti riservati a giovani con minori opportunità per bassa scolarizzazione) presso la sede Cascina Raccolti in via Emilia n. 91 a Cadeo (PC).

Per conoscere i  progetti e avere tutte le info per partecipare alle selezioni: oppure tel. 348.4493993 e 0523.332750 (chiedere di Francesco Millione o Rita Casalini). Tutti i candidati verranno convocati per sostenere le selezioni che a seconda della situazione emergenziale potranno svolgersi in presenza o on line.
I candidati selezionati inizieranno presumibilmente il servizio civile nei mesi di aprile-maggio 2021.



CSV Emilia – Centro servizi per il volontariato, provincia di Piacenza
CSV Emilia partecipa con 9 progetti (la descrizione qui) da attuare su tutto il territorio della provincia di Piacenza, per un totale di 55 posti disponibili.
Quattro i progetti che si attueranno presso le sedi di organizzazioni di volontariato socie del CSV: As.so.fa. e Aias (7 posti), Auser (11 posti), Telefono Rosa (4 posti).

Tra gli enti locali coinvolti con CSV c'è anche il Comune capoluogo, Piacenza, che cerca un volontario per il settore Servizio Minori, un volontario per l'area Disabilità, due volontari per il settore patrimonio storico, artistico e culturale e un volontario per i progetti di educazione ambientale. 

Per informazioni su tutti i nove progetti: tel. 0523.306120, .
Orario: dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 14.30 alle 18.30 (giovedì pomeriggio chiuso).
Pagina fb Servizio Civile Piacenza.


Consorzio Sol.Co. – Confcooperative. Tra i partner anche l'associazione "La Ricerca"
Il Consorzio Sol.Co. Piacenza sta cercando 13 volontari da inserire in 3 progetti di servizio civile universale nell'ambito dell'educazione dei minori (centri aggregativi/scuola materna/infanzia), dell'assistenza ai disabili adulti (centri residenziali/diurni) e della terza età.
Progetto “E ti vengo a cercare”: numero volontari richiesti 7, suddivisi tra Centro educativo “Il bruco e la farfalla” di Cotepi, Istituto Sant’Eufemia e cooperativa sociale Eureka (qui la scheda).
Progetto “Nessuno è solo": numero volontari richiesti 4, suddivisi tra cooperativa sociale La Gemma e Unicoop (centro socio riabilitativo residenziale A e B). (qui la scheda).
Progetto “Lo specchio ti riflette": numero volontari richiesti 4, suddivisi nei centri diurni per anziani di Unicoop in via Giordani, alla Besurica e a Gossolengo. (qui la scheda)
Fa inoltre capo a Il Solco anche la proposta di servizio universale da svolgersi presso due comunità dell’associazione “La Ricerca”: un posto per la comunità “Luna stellata” che accoglie mamme e bambini in via Bubba e la comunità terapeutica “La Vela” a Justiano di Vigolzone. Che cosa verrà chiesto ai giovani? "Di affiancare operatori professionisti e volontari in iniziative che stimolano momenti di incontro e favoriscono lo sviluppo di relazioni interpersonali e intergenerazionali - spiegano da La Ricerca -. Gli incontri offriranno uno scambio reciproco di pensieri, sentimenti, emozioni: parafrasando il titolo del progetto, sarà un interfacciarsi, al fianco di professionisti del sociale, nello svolgimento di attività di integrazione, socializzazione, realizzazione di eventi e attività di laboratorio presso alcune strutture terapeutiche".

Per informazioni: - tel. 0523.594711 interno 3

Africa Mission – Cooperazione e Sviluppo
Insieme a Focsiv (Federazione degli Organismi Cristiani Servizio Internazionale Volontario), Africa Mission-Cooperazione e Sviluppo offre 6 posti in Uganda nel settore "Valorizzazione delle piccole comunità e sviluppo rurale in Africa".
È possibile impegnars come Casco Bianco presso la sede di Alito (diocesi di Lira) scegliendo di dedicarti ad attività nel settore della formazione agricola della scuola agro-zootecnica, seguendo i ragazzi che frequentano i corsi di agricoltura/allevamento e il follow up post-corso per facilitare i giovani formati nell'avvio di piccole attività imprenditoriali. Qui i posti a disposizione sono due.  L’altra possibilità riguarda la sede di Moroto in Karamoja con progetti nell'ambito acqua&igiene (perforazioni e riabilitazioni pozzi, attività di sensibilizzazione igienico-sanitaria nei villaggi e nelle scuole) o nel settore agricolo, con gli orti di villaggio oppure in quello socio-educativo, seguendo i bimbi dell'asilo "La piccola giraffa", o i ragazzi del Centro Giovani Don Vittorio e i giovani in attività di formazione professionale. Qui in totale i posti a disposizione sono quattro.
Per informazioni: oppure tel. 0523.499424. Gli uffici della sede di Piacenza sono aperti dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 13 e dalle 14.30 alle 18.30.


Movimento Cristiano Lavoratori – sezione di Piacenza
L’Mcl piacentino offre 2 posti per il progetto “Giovani Dinamici” nel settore educazione e promozione culturale, paesaggistica, ambientale, del turismo sostenibile e sociale e dello sport.
Per informazioni: segreteria Mcl, oppure tel. 0523.498714 o 348.2265679.

Anpas – Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze

L'associazione offre opportunità nelle sue sedi di Calendasco, Carpaneto, Cortemaggiore, Fiorenzuola, Gropparello, Lugagnano, Monticelli, Piacenza, Pontedell’Olio, Rivergaro, San Giorgio, Travo, Vernasca. Per informazioni, occorre rivolgersi alle singole realtà.


Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti - Aps

La sede piaxcentina cerca 4 volontari per un progetto di laboratorio di attivismo civico per l’inclusione sociale e un progetto di lotta alla disparità di genere nell’istruzione e nella formazione dei disabili visivi.

Le informazioni relative ai progetti sono reperibili sul sito nazionale UICI (www.uiciechi.it) e ulteriori informazioni possono essere richieste alla Sezione  di Piacenza all’indirizzo mail: o al numero di telefono: 0523.337677.

Confederazione italiana Misericordie d'Italia

Un posto nella sede di Piacenza nel settore Protezione Civile - Prevenzione e mitigazione dei rischi e quattro posti per il progetto "Non più soli 2020".

Per ulteriori informazioni: tel. 0523.579492 - .


Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII

Un posto disponibile alla casa famiglia "Santa Marta" in via Genocchi a Piacenza nell'ambito del progetto "Abilità Differenti" proposto dalla realtà fondata da don Oreste Benzi (qui i dettagli).

Per informazioni: Matteo Vegis, tel. 349.7822608.

Pubblicato il 14 gennaio 2021.

Ascolta l'audio

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente