Menu

«Il 2020 non è da dimenticare»

tedeum


“Ricordare, non dimenticare”: è questo l’invito lanciato dal vescovo mons. Adriano Cevolotto alla messa di fine anno in Cattedrale.


Perché ringraziare
Questa celebrazione - sintetizziamo le sue parole - prende il nome dal canto che intoneremo dopo la comunione, il “Te Deum” che inizia così: “
Noi ti lodiamo, Dio ti proclamiamo  Signore”. In questi giorni i titoli dei giornali sottolineano che questo anno è proprio da dimenticare. L’agenzia Ansa diceva chiaramente: “Addio 2020, l’anno più brutto delle nostre vite”. Se è un anno da dimenticare, che senso ha - si è chiesto mons. Cevolotto - lodare Dio? Il motivo - ha precisato il Vescovo - sta proprio nella nostra fatica e incapacità di lodarlo sotto il peso delle sofferenze vissute dalle nostre comunità, dalle famiglie, da noi stessi. Il testo del “Te Deum” si conclude con una certezza: “Pietà di noi, Signore, pietà di noi. Tu sei la nostra speranza, non saremo confusi in eterno”. Se rendiamo grazie, Dio trova spazio in noi e ci permette di non essere soffocati e confusi dall’emergenza e dalla paura, ma di aprirci alla speranza.
I fatti accaduti ce lo dimostrano: la sofferenza è stata davvero tanta, ma nelle corsie degli ospedali si sono verificati innumerevoli gesti di dedizione, di sacrificio e di dono. Il dolore è stato pesante ma ha generato anche tanta prossimità e ha fatto nascere in molti domande di senso. Ci siamo accorti di tanta vita sprecata dietro a cose inutili. La coscienza della nostra precarietà ci aiuta così a non sentirci onnipotenti.

L’anno di una nuova chiamata
Per me il 2020 è stato l’anno di una nuova chiamata - ha detto il Vescovo, che a luglio è stato nominato da papa Francesco alla guida della nostra diocesi -. “Per me - ha aggiunto - si è trattato di lasciare determinate sicurezze e di rimettere in gioco la mia vita, la mia fede, le mie relazioni.

“Siamo tutti interconnessi”
Ma c’è un’altra scoperta che ha caratterizzato il 2020: abbiamo capito che siamo tutti interconnessi e profondamente uniti. Chi conosceva prima d’ora la città cinese di Wuhan
dove si sono registrati i primi casi del coronavirus? Piacenza - si potrebbe dire - si è scoperta alla periferia di Wuhan.
“Fratelli tutti” è stato l’appello lanciato in questi mesi dal Papa affinché ci sentiamo uniti non solo nel pericolo che ci minaccia (l’altro mi potrebbe contagiare), ma anche nel costruire: insieme siamo più forti.
L’arrivo del vaccino - ha concluso il Vescovo - ci infonde fiducia. L’amnesia collettiva, il voler dimenticare tutto quanto molto in fretta, non ci servirà a nulla. Piuttosto occorre che apriamo gli occhi sulle tante emergenze che la nostra società deve affrontare, oltre a quella sanitaria. Ci sono emergenze sociali, economiche, formative e culturali da vivere con la stessa dedicazione con cui abbiamo affrontato il problema coronavirus. Buon anno a tutti.

D. M.

Pubblicato il 1° gennaio 2021

Ascolta l'audio   

Altri articoli...

  1. L‘importanza delle relazioni umane ai tempi del Covid
  2. Cosa vuol dire prendere sul serio quel Bambino?
  3. Natale: perché non «basta la salute»
  4. Il Vescovo: «Una Chiesa nuova per far vivere il Vangelo»
  5. Da Maria impariamo a lavorare insieme
  6. Il Vescovo all’Ucid: «Aiutatemi a leggere questo tempo»
  7. In dono al vescovo Cevolotto la statuina dell'infermiera anti covid
  8. La Bibbia in piasintëin donata al vescovo Cevolotto
  9. Il Vescovo alla Scuola: «Il Natale è il tempo della ricerca»
  10. Mons.Cevolotto in visita alla Cattolica
  11. Il ringraziamento di Coldiretti Piacenza nell’anno più difficile
  12. «Sorretti da Colombano verso una terra nuova»
  13. Un patto sociale per dare un futuro a tutti
  14. «Audaci come ai tempi di Gianelli e Colombano»
  15. Padre Perini, compleanno con il Vescovo
  16. Mons. Adriano ai giovani: «serve una relazione viva con il Signore»
  17. Mons. Adriano nell'omelia: «tutti al banchetto della fraternità»
  18. «Questa giornata la faremo diventare bella noi»
  19. La sua ex scuola ha premiato il Vescovo
  20. Edizione speciale per il nuovo Vescovo
  21. «Dona te stesso con generosità alla tua nuova Chiesa»
  22. «Il Signore benedica il nostro andare»
  23. Il vescovo Tomasi: «Sarai anche tu pescatore di uomini»
  24. «Mi è stato affidato un dono prezioso»
  25. Mons. Cevolotto ha ricordato il predecessore Pellizzari
  26. Traccia per una Veglia di preghiera in vista dell'ordinazione
  27. Mons. Cevolotto: il distacco e la gioia
  28. Il «padre» nella persona del Vescovo illustrata dal Gianelli
  29. Le tappe della prima giornata a Piacenza del nuovo Vescovo
  30. L'immagine del Vescovo-Buon Pastore
  31. L'ordinazione a Treviso: come partecipare
  32. «Prendi il largo»: il motto e lo stemma
  33. A Treviso il giuramento del Vescovo Adriano
  34. Il Vescovo, Maestro nella fede e nell’annuncio della Parola
  35. «Gli auguro di non perdere il senso dell'umorismo»
  36. Mons. Cevolotto: «Camminare con l'aiuto di tutti»
  37. Il 27 settembre il saluto di mons. Ambrosio alla diocesi
  38. Mons. Cevolotto, ingresso a Piacenza l'11 ottobre
  39. Confermati il Vicario generale e i Vicari episcopali
  40. Da oggi lo Speciale Nuovo Vescovo

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente