Menu

Monsignor Ambrosio resterà a Piacenza

“Mi dedicherò alla preghiera e ai servizi che ogni sacerdote è chiamato a fare”

mons. Gianni Ambrosio Annuncio Nuovo Vescovo Piacenza-Bobbio

Mons. Gianni Ambrosio resterà a Piacenza anche dopo l’insediamento del nuovo Vescovo. Lo ha confermato questa mattina, dopo aver dato l’annuncio della nomina di monsignor Adriano Cevolotto come suo successore. Nella fase di passaggio – mons. Cevolotto dovrà ricevere l’ordinazione episcopale e quindi prenderà possesso della diocesi che le è stata affidata, come prevede il diritto canonico – mons. Ambrosio rivestirà l’incarico di amministratore apostolico, come da apposito decreto della Congregazione per i Vescovi.
Non senza commozione, insieme al ringraziamento al Santo Padre – “per l’attenzione e la benevolenza che ha mostrato a me e alla nostra comunità in tante occasioni”, ha detto, ricordando l’udienza memorabile dell’agosto 2013 con i giovani piacentini a pochi mesi dalla sua elezione al soglio pontificio – monsignor Ambrosio ha riservato un particolare pensiero “all’amata Chiesa di Piacenza-Bobbio, ai cari piacentini e alle care piacentine, ai sacerdoti e diaconi, a tutte le autorità civili e militari con cui ho avuto il piacere di collaborare”. “Se qualcosa ho dato – ha aggiunto – moltissimo ho ricevuto. Grazie di cuore!”.
Monsignor Ambrosio aveva già espresso in passato l’intenzione di rimanere a Piacenza. “Oggi, ancora dentro alla pandemia e alle sue conseguenze, sento il dovere di confermare la mia intenzione – ha annunciato –. Finito il mio compito di amministratore apostolico, mi dedicherò maggiormente alla preghiera e sarò disponibile per quei servizi che ogni sacerdote è chiamato a fare”.
“A tutti desidero far pervenire il mio abbraccio affettuoso – ha concluso monsignor Ambrosio –, in particolare a tutte le persone che hanno sofferto e tribolato in questo difficile periodo. Vi assicuro la mia preghiera, che da ora diventerà ancora più intensa”.

Pubblicato il 16 luglio 2020

Ascolta l'audio

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente