Menu

«La venuta dei Magi ci scuota dal nostro torpore»

messa dell'epifania

“Il volto della Chiesa dell’Epifania è capace di lasciarsi provocare da tanti nostri fratelli che vengono da lontano, mandati per scuoterci dal nostro torpore”. Sono le parole pronunciate in duomo da mons. Adriano Cevolotto, vescovo di Piacenza-Bobbio, nel giorno della solennità dell’Epifania.

“Ci possono magari inquietare - ha aggiunto il Presule - perché sono un po’ graffianti, non educati, ma non è sufficiente dare voce a ciò che custodiamo nella nostra fede, se non siamo disposti ad affiancarci a loro e riconoscerli come dei compagni di viaggio”.
Per mons. Cevolotto l’Epifania manifesta la volontà del Signore di rivelarsi a tutte le persone di ogni provenienza senza distinzione. Il percorso dei Magi - per il Vescovo - è simile a quello di tante persone che, nell’osservazione degli astri e sulla strada della natura, manifestano interesse per tutto il pianeta, uno stupore dinanzi al creato, capace di far scaturire energie e passioni.
Dinanzi ad una folta schiera di fedeli, presenti in duomo, mons. Cevolotto ha pure individuato l’altro percorso dell’uomo che ama e dilata il cuore.
“La via della vita - ha sottolineato - è quando si aprono domande che spingono alla ricerca del senso del proprio vissuto. La stella orienta il cammino dei magi come quello di ogni persona, è l’eterno camminare per cercare un approdo di pienezza di vita. È la risposta alla chiamata del Signore che ci raggiunge dove c’è uno spiraglio di aiuto e dove si apre la disponibilità ad uscire dalla propria terra, da quel mondo rassicurante che spesso è anche la nostra prigione”.

“Che non succeda anche a noi - ha concluso il Vescovo - come agli scribi e al popolo di Israele, di non lasciarci scalfire dagli interrogativi e non andare a Betlemme insieme ai Magi. Questi re venuti dall’oriente bussano anche alle nostre porte, ci sollecitano a toglierci le pantofole della nostra comodità per metterci in strada e raggiungere un Dio che continua a cercarci”.

R.T.

Pubblicato il 6 gennaio 2021

Ascolta l'audio

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente