Menu

Sulle note del Jazz anche la De Amicis dice sì al Pedibus, 150 i bambini presenti

pedibus1

“La risposta entusiasta di bambini, genitori e insegnanti non sembra lasciare spazio a dubbi: inizia ufficialmente, dopo la sperimentazione odierna con la festa del Pedibus Jazz, l’iter per avviare anche alla primaria De Amicis, dal prossimo anno scolastico, il servizio Pedibus”.
Così l’assessore a Mobilità e Ambiente Paolo Mancioppi commenta la presenza dei circa 150 alunni che, partendo dal parco della Baia del Re, questa mattina hanno aderito all’invito del Ceas Infoambiente comunale, percorrendo insieme alle famiglie e a numerose maestre il tragitto quasi interamente pedonale sino all’ingresso di via Inzani, accompagnati dalle note di Gianni Azzali al sax tenore, Alberto Venturini al sax baritono, Luca Mezzadri alle percussioni, Gianni Satta alla tromba e Stefano Caniato al trombone.

“Il percorso interno al quartiere della Baia del Re si presta molto bene a garantire un itinerario in sicurezza per gli alunni della De Amicis – spiega l’assessore Mancioppi – che possono contare anche sull’attraversamento pedonale assisitito in via Farnesiana e sull’accesso a via Inzani, negli orari di entrata e uscita da scuola, protetto dalle transenne e chiuso al traffico. Inoltre, la presenza di ampi parcheggi limitrofi al parco della Baia del Re consentirebbe, anche ai genitori che per ragioni organizzative o di lavoro non possono rinunciare all’auto, di lasciare i bambini alla fermata del Pedibus, limitando così il traffico nelle immediate adiacenze della scuola”.
Due i punti di partenza sperimentati questa mattina – uno all’ingresso del viale pedonale da via Beati, l’altro dal parco giochi adiacente al nido Girotondo – confluiti nella piazzetta antistante la palazzina che attualmente è sede di diverse associazioni. “Contestualmente all’avvio della progettazione della linea – conclude l’assessore Mancioppi – il Ceas Infoambiente lancerà a breve il concorso di disegno dedicato agli alunni per la creazione del logo Pedibus De Amicis, che sarà poi riprodotto sui cartelli delle fermate, nonché sulle pettorine di bambini e accompagnatori. Oggi, visti i tanti disegni e cartelloni preparati, abbiamo avuto un’anticipazione della creatività dei bambini a servizio dell’ambiente: anche per questa sensibilità ringrazio la dirigente Simona Favari e tutti gli insegnanti”.

Pubblicato l'11 aprile 2019

Ascolta l'audio   

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente