Menu

Grande serata con Piovani offerta dalla Banca di Piacenza

piovani

Pubblico delle grandi occasioni (con numerose autorità civili, militari e religiose), entusiasta e straripante in ogni ordine di posto per la serata con Nicola Piovani al Politeama offerta dalla Banca a soci e clienti. Ripetuti gli applausi per il compositore, che ha concesso - a generale richiesta - un paio di bis (tra cui la colonna sonora del film di Roberto Benigni “La vita è bella”, che gli è valso l’Oscar nel 1999).
Lo spettacolo “La musica è pericolosa” è stato coinvolgente ed emozionante: un viaggio musicale proposto e narrato dagli strumenti - pianoforte (Nicola Piovani), contrabbasso (Marco Loddo), batteria e percussioni (Ivan Gambini), sax e clarinetto (Marina Cesari), chitarra e violoncello (Pasquale Filastò), tastiere e fisarmonica (Rossano Baldini) - con il maestro romano a scandire le stazioni spiegando al pubblico il senso dei frastagliati percorsi che lo hanno portato a fiancheggiare il lavoro di grandi registi italiani e stranieri (Fellini, Monicelli, i fratelli Taviani, Bellocchio, Benigni, Bigas Luna) e di cantanti del calibro di De Andrè.
«La musica - ha raccontato Piovani - è, come diceva sempre Fellini, pericolosa, perché ci emoziona e mette allo scoperto le nostre fragilità». La musica sarà anche pericolosa, ma quando è di qualità come quella del pianista romano, vale senz’altro la pena di correre il rischio.
A tutti i partecipanti, la Banca ha fatto consegna di un depliant ricordo dell’evento, con una partecipata nota di Maria Giovanna Forlani sulla musica di Piovani ed i sentimenti che trasmette.
Nel saluto introduttivo, Robert Gionelli ha ricordato che la serata al Politeama «è uno dei tanti eventi che la Banca offre a soci e clienti».

Pubblicato il 12 aprile 2019

Ascolta l'audio   

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente