Menu

Cantina Valtidone ha portato al Vinitaly le sue novità

vinitalyCVT

Cantina Valtidone ha portato alla 53ª edizione del Vinitaly le novità che stanno interessando l’azienda vitivinicola borgonovese, unite alla tradizioni e alle eccellenze agroalimentari, culinarie e paesaggistiche del piacentino.
Il suo stand rinnovato, all’interno del padiglione dell’Emilia-Romagna, nei 4 giorni della kermesse veronese ha proposto, oltre alla degustazione dei vini, assaggi di tortelli con la coda, pisarei e fasò e tagliatelle con i funghi, salumi e finger food presentati dalle sapienti mani dello chef Danila Ratti del Ristornate Le Proposte di Corano e dalle sperimentazioni di Marco e Stefano della Troni’s Events.

Protagonisti dello stand sono stati la linea Vinum Merum, riservata al canale Horeca (mescita e ristorazione), con la sua immagine completamente rinnovata, e lo Swing, spumante da pinot nero rosé, che ha già conquistato il mercato nella sua anteprima prenatalizia.

Accanto alle novità, le referenze storiche e la nuova annata della linea 50 Vendemmie, nata nel 2016 per celebrare i cinquant’anni di attività dell’azienda valtidonese e che presenta i vini tipici del territorio piacentino, gutturnio e malvasia, nelle versioni ferma e frizzante e l’ortrugo.
Non mancavano le proposte bio, con le linee Biò Valtidone e Tenuta Villa Tavernago che vanno incontro alle crescenti tendenze di mercato.

Molti sono stati gli ospiti nello stand dell’azienda valtidonese, a partire dal noto conduttore televisivo Luca Sardella, da qualche mese testimonial dei vini della Cantina e impegnato in un tour promozionale nei più importanti centri commerciali del nord Italia. vinitalyCVTpremi
Diverse anche le visite istituzionali, dagli assessori regionali dell’Emilia-Romanga Simona Caselli e la piacentina Paola Gazzolo, all’eurodeputato ed ex Ministro dell’Agricoltura Paolo De Castro, da Ruenza Santandrea, coordinatrice del settore Vino di Allenza Cooperative, a diversi sindaci e consiglieri della Val Tidone, fino a personaggi come l’ex pallavolista Andrea Lucchetta e Stefano Bicocchi, in arte Vito, attore e personaggio televisivo e oggi protagonista sulla tv Gambero Rosso della rubrica di cucina “Vito con i suoi”.

Cantina Valtidone ha aderito anche quest’anno all’iniziativa “In vino virtus”, la campagna di sensibilizzazione promossa dalla Polizia di Stato sul bere responsabilmente e l’educazione alla guida sicura.

Oltre che negli spazi della fiera, i vini dell’azienda valtidonese sono stati protagonisti delle iniziative di "Vinitaly and the City" che hanno animato la città scaligera durante i giorni del festival del vino. In particolare, il Gutturnio Bollo Rosso riserva 2014 ha scaldato le serate di Ppazza San Zeno nell’ambito delle iniziative dell’enoteca regionale Emilia-Romagna.

Cantina Valtidone torna dalla manifestazione veronese anche con 3 ambìti riconoscimenti, attribuiti nell’ambito dei Vini&Consumi Awards.
Ai vini della Cantina sono stati assegnati i premi come miglior Packaging Vino Bianco 2018 all’Ortrugo 50 Vendemmie e come miglior Special Edition 2018 allo Swing.
All’azienda borgonovese, inoltre, il significativo riconoscimento per l’iniziativa charity “Un assegno per AMOP”, che vede consegnare ogni anno le offerte raccolte durante la festa del Picchio Rosso all’Associazione Malato Oncologico Piacentino del prof. Luigi Cavanna.

“Sono stati come sempre 4 giorni davvero intensi ed entusiasmanti – commentano da Cantina Valtidone – nei quali abbiamo potuto presentare tutte le nostre novità, accanto alle nostre referenze tradizionali, ottenendo il grande apprezzamento dei clienti storici e dei molti che si sono avvicinati per la prima volta al nostro stand. Ringraziamo tutti coloro che ci sono venuti a trovare, a cui rinnoviamo il nostro invito a passare in enoteca a Borgonovo e a visitare la nostra splendida Val Tidone”.

Pubblicato il 15 aprile 2019

Ascolta l'audio

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente