Menu

«Salviamo il legno di Stradivari»

Val di Fiemme, la “Ciresa srl” lanciato un’operazione di crowdfunding. Incontro all’Ucid

UCID Ghittoni Ognibeni

La Sezione di Piacenza dell’UCID, Unione Cristiana Imprenditori Dirigenti, ha organizzato all’Università Cattolica un incontro dal titolo: “Ciresa Srl, Val di Fiemme: il legno di Stradivari, dalle foreste alle sale da concerto”, protagonista della serata Fabio Ognibeni, presentato dal presidente della sezione piacentina della federazione, Giuseppe Ghittoni (nella foto, da sinistra, Ghittoni e Ognibeni).

Ognibeni è l’amministratore unico di Ciresa srl oltre che un vero esperto internazionale di legno di risonanza, la sua società in Val di Fiemme opera nel settore da oltre 60 anni e rappresenta un’assoluta eccellenza italiana, leader nella costruzione di tavole armoniche per pianoforti e altri strumenti a corda oltre che nella realizzazione di componenti di risonanza di altissima qualità.
Il legno della Val di Fiemme è da sempre riconosciuto come unico al mondo per le sue caratteristiche di sonorità, lo sapeva bene il famoso liutaio cremonese Stradivari che si recava personalmente nella vallata alla ricerca degli alberi più idonei per la costruzione dei suoi pregiatissimi violini.
Il legno dell’abete rosso è perfetto per creare le parti più importanti del violino, grazie alla sua peculiare elasticità e per i suoi caratteristici canali linfatici che funzionano come le canne di un organo.
Gli anelli di accrescimento della pianta sono piccoli anche grazie all’ambiente particolarmente freddo, che permette una crescita lenta e costante garantendo quella omogeneità strutturale necessaria per dare al legno la massima resa armonica.

Su ogni tavola costruita nella valle, viene impresso il marchio di origine concesso dalla Magnifica Comunità di Fiemme, accompagnato da un certificato numerato.
La Società di Ognibene da qualche anno ha inoltre sviluppato un prodotto altamente innovativo grazie all’intuito del suo amministratore, denominato Opere Sonore, esclusivi oggetti d’arte che permettono di ascoltare la musica in modo naturale, anzi di suonare come veri strumenti musicali. Oggetti realizzati a mano con gli stessi criteri e materiali usati dall’antica arte dei liutai. Strumenti musicali d’ascolto, che permettono di realizzare una qualità sonora naturale, trasformando la propria casa in una sala per concerti.
Purtroppo nell’autunno del 2018 le foreste della Val di Fiemme sono state colpite da un evento meteo tragico, circa un quinto degli abeti da violino ultra centenari sono stati abbattuti al suolo in una sola notte dalla violenza distruttrice del vento.

Per questo motivo Ciresa srl ha lanciato un’operazione di crowdfunding a restituzione totale dal titolo “Salviamo il legno di Stradivari”, per tutelare il legno della musica raccogliendo i tronchi di risonanza abbattuti dal maltempo in quella tragica notte.
Se il legno rimarrà a terra durante il periodo estivo deperirà, sarà attaccato da muffe e parassiti e diverrà inutilizzabile.
L’operazione di recupero comporta un impegno finanziario che da sola l’azienda Ciresa non può sostenere e per questo ha pensato a questa operazione diretta a tutte le persone sensibili alla musica e all’ambiente, affinché quello che poteva diventare musica lo possa diventare per le future generazioni.

Stefania Micheli

Pubblicato il 18 aprile 2019

Ascolta l'audio

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente