Menu

Protocollo d’intesa tra OI Pomodoro da industria del Nord Italia e Crea

pomodoro

L’Organizzazione interprofessionale del pomodoro da industria del Nord Italia ed il Crea (Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria) hanno sottoscritto, a Roma, un protocollo d’intesa con il quale formalizzano l’impegno a sviluppare un intenso rapporto di collaborazione per l’analisi e lo studio del settore del pomodoro da industria e per il sostegno all’innovazione nella filiera.
“L'intesa sottoscritta – commenta il presidente dell’OI Tiberio Rabboni - apre la strada allo sviluppo di una fattiva collaborazione tra l'interprofessione del pomodoro da Industria del Nord Italia e la più importante struttura pubblica italiana di ricerca in campo agricolo ed alimentare. Si tratta di una collaborazione strategica che abbiamo ricercato e che ci consentirà, da un lato, di diventare interlocutori diretti dei programmi di ricerca di interesse per la filiera del pomodoro e, dall’altro, di promuovere o collaborare a specifici progetti di ricerca in partnership con Crea su diversi temi, ad esempio il miglioramento delle rese produttive e del grado brix in campo e di innovazione delle trasformazioni industriali. L’innovazione competitiva e la valorizzazione commerciale della qualità sono oggi le leve su cui agire per incrementare la redditività media della filiera del pomodoro da Industria.”.
Il protocollo, redatto dal dottor Francesco Mantino di Crea e dall’OI, è il frutto di una collaborazione iniziata già dieci anni fa e poi divenuta sempre più intensa sino alla firma dell’intesa da parte della vicepresidente del Crea Alessandra Gentile e del presidente dell’OI Rabboni. Presenti all’atto della sottoscrizione anche Teodoro Cardi, direttore del Centro di ricerca ortofloricoltura e florovivaismo del Crea, e Roberto Henke, direttore del Centro politiche e bioeconomia e, in rappresentanza dell’OI, il consulente scientifico Gabriele Canali ed il segretario Maria Chiara Cavallo.

Pubblicato il 14 giugno 2019

Ascolta l'audio   

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente