Menu

A Loco di Rovegno l'Expo Alta Val Trebbia

loco rovegno

Dal 26 al 28 luglio torna l’atteso appuntamnto con Expo Alta Val Trebbia, evento enogastronomico e di promozione territoriale. La sede di Expo Alta Val Trebbia sarà sempre la caratteristica Area esposizioni del Bosco della Giaia a Loco di Rovegno. Rovegno, pur essendo in provincia di Genova, appartiene alla diocesi di Piacenza-Bobbio.
Expo Alta Val Trebbia si inserisce nelle quaranta manifestazioni fieristiche selezionate da Regione Liguria per la forma altamente qualificata nei settori agroalimentare, artigianato di eccellenza ed alle altre produzioni di qualità dell’agricoltura, dell’allevamento e della pesca della Regione.
Expo Alta Val Trebbia è un evento che si pone l’obiettivo di valorizzare l’entroterra ligure attraverso le peculiarità enogastronomiche regionali e le sue produzioni di qualità, e come di consueto è articolata in quattro parti:
• I Nostri Sapori, un’ampia area di spazi espositivi, in cui le imprese liguri potranno presentare i propri prodotti caratterizzati da elevati livelli di qualità e tipicità;
• Il Bosco Bio, un’ampia area di spazi espositivi per le aziende agricole, che in caratteristiche bancarelle tipo “mercato francese”, potranno presentare i propri prodotti della terra;
• I Legnami di Liguria, un’ampia area dedicata al bosco ed alla lavorazione del legno;
• Le iniziative culturali e didattiche, un ampio programma di laboratori, show-cooking e corsi a cui potranno partecipare visitatori ed espositori.
Expo Alta Val Trebbia è un evento che alla sua undicesima edizione intende innovare la sua proposta e la sua struttura per soddisfare il consumatore e l’operatore di settore, sempre più esigenti in termini di qualità ed alla ricerca di prodotti tipici e tradizionali, permettendo al pubblico di provare sapori e profumi attraverso la visita agli spazi espositivi, ma anche attraverso tutte le attività collaterali in programma.

Pubblicato il 14 giugno 2019

Ascolta l'audio   

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente