Menu

Educhiamoci alla speranza

Amarsi46

L'insicurezza non ci piace. Non ci piace l'ambiguità. Le sfumature di grigio tra il bianco e il nero spesso ci mettono in crisi. Eppure il bianco e il nero, che tanto ci rassicurano sono rari nel nostro quotidiano. Il bene e il male li troviamo spesso mescolati tra loro.
Lo vediamo nei grandi temi su cui ci troviamo a riflettere ogni giorno. Lo vediamo quando ci troviamo a giudicare il comportamento nostro e delle persone che abbiamo intorno.
Tutti noi abbiamo la tentazione di bollare frettolosamente gli eventi e le persone con l'etichetta di “buoni” e “cattivi”. Ci rassicura, perché così facendo ci sembra di mettere ordine nel mondo spesso caotico che ci sta davanti.

Dio e la complessità

L'atteggiamento di Dio di fronte alla complessità invece è decisamente diverso.
Quando Gesù racconta la parabola del grano e della zizzania (Mt 13,24-30), spiega che a un certo punto i servitori del padrone, che è Dio e che ha seminato nel campo del seme buono, si rendono conto che con il grano sta crescendo anche la zizzania: con “i figli del Regno” stanno crescendo anche “i figli del Maligno”.
È quello che vediamo anche noi ogni giorno. Accanto ai buoni vediamo i cattivi operare impunemente: quelli che si arricchiscono sfruttando la povera gente, i violenti, i ladri, gli omicidi...
La prima proposta dei servitori del padrone è quella che probabilmente faremmo anche noi: “vuoi che andiamo a raccoglierla?”. Il nostro pensiero è il loro: vuoi che dividiamo i buoni dai cattivi? Il bianco dal nero? I giusti dagli ingiusti? Il mondo sarebbe decisamente più bello, no?
Perché Dio li fa stare al mondo? Perché Dio non fa qualcosa? Perché Dio permette questo?

Sospendere il giudizio

La risposta di Dio ci fa capire che il suo modo di pensare è totalmente diverso dal nostro: «No, perché non succeda che, raccogliendo la zizzania, con essa sradichiate anche il grano. Lasciate che l'una e l'altro crescano insieme fino alla mietitura» (Mt 13, 29-30).
A Dio la complessità non fa paura. Quello che a Lui fa paura è che qualcuno dei suoi figli si perda.
Il suo è il cuore innamorato di un Padre, che fino all'ultimo crede e spera nella bontà di ogni sua creatura. Come quelle mamme di figli, che noi non esiteremmo a definire “disgraziati”, che di fronte all'evidenza dei loro misfatti, non riescono a far altro che parlarne ancora bene: “sì, ha sbagliato, ma lui non è così. Ha il cuore buono il mio Luigi...”.
Se non abbiamo questa misericordia verso chi abbiamo davanti allora, come ci dice Gesù, è meglio sospendere il giudizio (Mt 7,1).

Uno sguardo nuovo sull'altro

Ma come è possibile? Un'idea delle persone ce la dovremo anche fare, no? È questione di sopravvivenza. Di fronte alla persona “pericolosa” dovrò pur prendere dei provvedimenti!
Certo. Quando i primi cristiani sentivano nominare Saulo di Tarso, persecutore spietato della Chiesa, sentivano i brividi correre su per la schiena. E avevano ragione! Se lo vedevano arrivare giustamente scappavano.
Però alla fine il feroce Saulo di Tarso, con la grazia di Dio, diventa San Paolo. Quest'uomo, che aveva decisamente addosso il bollino di “cattivo”, inaspettatamente diventa buono. Tutti ne restano sorpresi. Paolo sarebbe stato uno di quegli steli di grano, scambiati per zizzania, che i servi, se avessero potuto, avrebbero strappato e gettato nel fuoco.
Da qui l'invito di Dio a lasciar perdere: meglio non bollare le persone e lasciare il giudizio a Lui.

Leggendo la parabola, ci rendiamo conto inoltre che il compito di dividere le persone in “buoni” e “cattivi” non è nemmeno nostro. I mietitori, a cui a Dio affida il compito di dividere il grano dalla zizzania, infatti non sono i servi, ma gli angeli (Mt 13,39). Il giudizio sulle persone proprio non ci riguarda.
Allora possiamo metterci davvero l'anima in pace, e prenderci la parte migliore che è quella dell'amare tutti, educandoci a rimanere aperti alla possibilità di cambiamento, nostro e anche altrui.
È un educarsi alla speranza, a uno sguardo positivo sull'altro. Uno sguardo sempre più simile a quello di Dio che contemplando la sua creatura, amata indipendentemente da ciò che fa, non può far altro che esclamare con amore: è “cosa molto buona” (Gn 1,31).

46 - Fine

amarsi autore L'Autore

Letizia Capezzali è pedagogista. Laureata presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e con una specializzazione in Pedagogia Clinica, lavora da oltre 15 anni in ambito educativo.
A vent'anni fa un'esperienza forte di Dio che le stravolge la vita e la porta ad entrare a far parte della Comunità Magnificat, comunità di alleanza del Rinnovamento nello Spirito presente in tutta Italia e con missioni aperte in diverse parti del mondo.
All'interno della sua comunità è attualmente responsabile della Fraternità di Milano e si occupa di formazione e accompagnamento spirituale.
Collabora al settimanale di Piacenza Il Nuovo Giornale per il quale ha scritto numerosi articoli e un fascicolo della collana I Testimoni della Fede dedicato a Giuseppe Berti.

Pubblicato il 7 dicembre 2020

Ascolta l'audio

Le tappe già pubblicate

1. Un percorso per scoprire come imparare ad amare

2. Una scoperta sorprendente

3. «Non sei abbastanza», una grande bugia

4. «Mio padre è il padrone del mondo»

5. Amàti sempre. Così come siamo

6. Il perdono che guarisce

7. Il nostro Barabba

8. Rumore, rumore, rumore

9. Nella tenda con Gesù

10. Perdonare fa bene

11. Profugo e ricercato a 2 anni

12. Tu sei prezioso

13. I linguaggi dell'amore

14. Lasciarsi perdonare

15. Amàti nelle nostre miserie

16. Trovare il bene anche nelle difficoltà

17. Inutili rivendicazioni

18. Il nostro «condominio»

19. Amare sé per amare gli altri

20. Mettere in sicurezza il cuore

21. Un lavoro paziente

22. Emozioni e sentimenti

23. Osservare i sentimenti

24. "Io mi arrabbio perché io..." 

25. Le nostre "spie" interiori

26. Comunicare i sentimenti

27. I sentimenti "insistenti"

28. Jordan e il perdono 

29. Nella morsa del rimorso 

30. Il diritto di vivere le emozioni

31. Affrontare i sentimenti

32. Pensieri da liquidare

33. Quando i sentimenti cercano di dirci qualcosa

34. Esprimere quello che si è

35. La libertà nostra e degli altri

36. Rispettiamo la libertà

37. Amare ci rende più felici

38. Amare è una decisione

39. La sfida dell'amore

40. Agostino e la castità

41. Castità: una testimonianza

42. Esserci per l'altro

43. Esercitiamoci all'ascolto

44. Ascolta il dolore

45. Chi siamo noi?

 

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente