Menu

Amàti sempre. Così come siamo

essere amati

«Mia madre mi ha fatto passare un'infanzia e un'adolescenza da incubo: per quanto mi sforzassi di accontentarla e di fare quello che voleva lei, c'era sempre qualcosa che non andava, non era mai contenta. Fin da quando ero piccola ha pensato che io fossi inadeguata: mai abbastanza brava, mai abbastanza buona. D'altronde non era neanche colpa mia, diceva lei: “Non hai personalità, sei troppo insicura, poverina”. Tutta la vita ho lottato per dimostrarle il mio valore, ma non è servito a nulla. Niente è mai stato abbastanza».
È una storia simile a tante che abbiamo sentito, o purtroppo vissuto: nati con il desiderio di risplendere e di giocarci la vita, pronti a scendere in campo per realizzare i nostri sogni più belli, rimaniamo annichiliti quando ci accorgiamo che le persone che dovrebbero fare il tifo per noi e incoraggiarci, sono proprio quelle che come muri invalicabili tentano di sbarrarci il cammino.

Parole di piombo

Quando siamo piccoli quello che esce dalla bocca dei nostri genitori è legge: è il criterio che ci aiuta a stabilire ciò che nel mondo è bene e ciò che è male, ciò che è giusto e ciò che è sbagliato; ma se la cosa sbagliata siamo noi, se dai loro sguardi delusi, dalle parole pungenti ci rendiamo conto che il motivo della loro insoddisfazione siamo noi, ecco che sentiamo crollarci la terra sotto i piedi.
E allora facciamo di tutto per piacere loro perché un bambino ha bisogno di sentirsi amato e apprezzato dai suoi genitori come dell'aria che respira. Nei loro sguardi di stima e nelle loro parole di apprezzamento scopre il suo inestimabile valore; un valore che è indiscutibile e assoluto, un valore che gli viene dall'alto, direbbe Gesù, dall'essere figlio di Dio, amato e voluto da lui.
Tanti genitori purtroppo sottovalutano la smisurata autorità del loro ruolo e non si rendono conto che, per i figli, le loro parole hanno il peso specifico del piombo. E più il bambino è piccolo, e più la parola dei genitori è ai suoi occhi indiscutibile e insindacabilmente vera.
“Sei proprio uno stupido, vedi che non sei capace? Sei sempre il solito, sei un irresponsabile, quando c'è bisogno non ci sei mai,...”.
I “mai” e i “sempre” che si moltiplicano vanno a dipingere nella testa del figlio un'immagine di sé potenzialmente indelebile.
Uno studio della Binghamton University mostra come i figli di genitori ipercritici tendano ad evitare di prestare attenzione ai volti che esprimono un qualsiasi tipo di emozione. Potrebbe essere una difesa: il tuo sguardo deluso su di me mi addolora a tal punto che preferisco non guardare. Il punto è che il non prestare attenzione alle emozioni sui volti delle persone difende sì dagli sguardi critici, ma al tempo stesso non permette nemmeno di riconoscere quelli di apprezzamento e stima delle persone che vorrebbero amarci.

“Tu sei l'amato”

Abbiamo bisogno di riappropriarci degli sguardi di amore e di stima di cui il nostro cuore ha tanto bisogno. Perché venuti meno i nostri genitori, se non apriamo gli occhi e il cuore a una parola nuova su noi stessi, da bravi figli che hanno imparato bene la lezione, continueremo a torturarci con le stesse parole da cui abbiamo tentato di difenderci per una vita.
C'è invece una parola nuova che vuole entrare nel nostro cuore. È una parola vera, ed è questa: “Tu sei il figlio mio, l'amato, in te mi sono compiaciuto” (Mc 1,11).
Ce la dice un Padre, che è Dio, che ci ha chiamato alla vita e ci ha desiderato da sempre.
Un Padre che ha sempre avuto un'illimitata fiducia nelle nostre potenzialità e ricchezze; che ci conosce profondamente e ci ama proprio così come siamo.
È proprio la fiducia in questa parola e nel Padre che ha impedito a Gesù stesso di soccombere sotto la valanga di critiche e odio dei suoi concittadini e avversari.
Al di là di quello che ci è stato detto di noi, al di là del disprezzo che possiamo aver raccolto nella vita, la verità essenziale su ciò che siamo è che siamo amati. Siamo figli amati, profondamente e incondizionatamente, da un Padre, capace di fare nuove tutte le cose, anche l'immagine che noi abbiamo di noi stessi. Lasciamo allora che sia Lui a dirci la verità su noi stessi e in questa verità lasciamoci ricostruire il cuore.

5 - Continua
La prossima tappa sarà online giovedì 16 luglio

amarsi autore L'Autore

Letizia Capezzali è pedagogista. Laureata presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e con una specializzazione in Pedagogia Clinica, lavora da oltre 15 anni in ambito educativo.
A vent'anni fa un'esperienza forte di Dio che le stravolge la vita e la porta ad entrare a far parte della Comunità Magnificat, comunità di alleanza del Rinnovamento nello Spirito presente in tutta Italia e con missioni aperte in diverse parti del mondo.
All'interno della sua comunità è attualmente responsabile della Fraternità di Milano e si occupa di formazione e accompagnamento spirituale.
Collabora al settimanale di Piacenza Il Nuovo Giornale per il quale ha scritto numerosi articoli e un fascicolo della collana I Testimoni della Fede dedicato a Giuseppe Berti.

Pubblicato il 13 luglio 2020

Ascolta l'audio

Le tappe già pubblicate

1. Un percorso per scoprire come imparare ad amare

2. Una scoperta sorprendente

3. «Non sei abbastanza», una grande bugia

4. «Mio padre è il padrone del mondo»

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente