Menu

Rispettiamo la libertà

Amarsi36

Un figlio decide di lasciare casa. Se ne vuole andare e lo fa sbattendo la porta, manifestando disprezzo verso le persone con cui è cresciuto e che si sono prese cura di lui.
Potrebbe essere una delle tante storie che accadono ogni giorno, una di quelle che ci racconta la nostra vicina di casa, quella che sa tutto di tutti:
“Hai sentito cosa è successo ai Bianchi? Marco alla fine se ne è andato. Povera Giovanna! Pensare che Alberto, il primo figlio, è un ragazzo così affidabile...
Con Marco però hanno sempre dovuto penare... Comunque adesso se n'è andato. Pietro, suo padre è distrutto. Non si meritavano un trattamento di questo genere, dopo tutto quello che hanno fatto per lui...”.
Come reagiremmo noi a un figlio ormai grande che decidesse di andarsene?
Lo lasceremmo libero o gli sbarreremmo la porta di casa impedendogli di uscire?
Gli diremmo che per lui ci saremo sempre o gli chiuderemmo alle spalle, oltre che la porta, anche il nostro cuore?

“Tu per me sei come morto”

Confrontarsi con la libertà altrui non è semplice. Siamo legati gli uni agli altri in reti di relazioni più o meno fitte, e quando qualcuno decide per sé, può accadere che le conseguenze delle sue scelte finiscano per toccare parzialmente anche noi. È un problema che riguarda l'uomo di ogni tempo.
Anche Gesù ne parla (Lc 15, 11-32) e lo fa raccontando proprio quella che potrebbe essere la storia di Marco e della sua famiglia. Gesù però nel suo racconto aggiunge particolari che rendono ancora più drammatica la situazione. Il figlio in questione, per esempio, non si limita ad andarsene, ma lo fa sbattendo in faccia al padre una richiesta che ai tempi era considerata la peggior offesa che un figlio potesse fare a chi lo aveva generato: “Dammi la mia parte di eredità”, gli chiede.
Per gli ebrei contemporanei di Gesù questo era considerato un affronto gravissimo perché era come dire al proprio padre: “tu per me sei come morto”.
Gesù presenta dunque una situazione drammatica, che probabilmente non ci troveremo mai ad affrontare; tuttavia, può essere rappresentativa di tutte quelle situazioni, meno estreme, in cui qualcuno che amiamo decide di fare qualcosa che noi non condividiamo.
In questa parabola si parla infatti di libertà: di come Dio, che nel racconto è rappresentato dal padre, tratta la nostra libertà, e di come anche noi siamo chiamati a rispettare la libertà altrui.

Liberi, anche di sbagliare

È chiaro che qui stiamo parlando di adulti e non di bambini o ragazzi. Nei confronti dei piccoli noi abbiamo la responsabilità di guidarli nelle loro scelte, talvolta anche sbarrando loro decisamente la strada.
Invece ogni adulto, in condizioni normali, ha sempre il diritto di scegliere per quel che riguarda la sua vita: è una responsabilità che gli appartiene ed è una libertà inviolabile.
Quando noi impariamo a rispettare la nostra stessa libertà, cercando di vivere autenticamente, esprimendo i nostri desideri e bisogni in modo appropriato e rispettoso, è probabile che saremo più disponibili ad accettare il fatto che anche gli altri godono delle nostre stesse prerogative.
Rispettare noi stessi e la nostra libertà ci aiuta ad accettare che anche gli altri rispettino se stessi e la loro libertà, anche quando questo si traduce nell'opporci un rifiuto o nel prendere decisioni che noi non condividiamo.
Il padre del racconto di Gesù, di fronte all'affronto e alla decisione del figlio di lasciar casa, si comporta in maniera sorprendente: non fa e non dice nulla. Non so quanti di noi sarebbero in grado di comportarsi in quel modo. Non grida, non sbraita, non minaccia, non implora: rispetta totalmente la decisione del figlio, anche se sa bene che essa non porterà a nulla di buono.
Tanto è il rispetto di Dio per la nostra libertà e la sua fiducia in noi, da lasciarci completamente liberi, anche di sbagliare.
Allora, parlando di amore per gli altri, un primo passo non potrebbe essere proprio quello di provare a lasciarli liberi?
Magari potremmo anche condividere con loro le nostre perplessità e manifestare loro i nostri dubbi sulle loro scelte, per poi però farci da parte.
Potremmo provare ad amare lasciando nelle mani di chi ci sta accanto il timone della sua vita, proprio come fa Dio con ciascuno di noi.

36 - Continua
La prossima tappa sarà online giovedì 5 novembre

amarsi autore L'Autore

Letizia Capezzali è pedagogista. Laureata presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e con una specializzazione in Pedagogia Clinica, lavora da oltre 15 anni in ambito educativo.
A vent'anni fa un'esperienza forte di Dio che le stravolge la vita e la porta ad entrare a far parte della Comunità Magnificat, comunità di alleanza del Rinnovamento nello Spirito presente in tutta Italia e con missioni aperte in diverse parti del mondo.
All'interno della sua comunità è attualmente responsabile della Fraternità di Milano e si occupa di formazione e accompagnamento spirituale.
Collabora al settimanale di Piacenza Il Nuovo Giornale per il quale ha scritto numerosi articoli e un fascicolo della collana I Testimoni della Fede dedicato a Giuseppe Berti.

Pubblicato il 2 novembre 2020

Ascolta l'audio

Le tappe già pubblicate

1. Un percorso per scoprire come imparare ad amare

2. Una scoperta sorprendente

3. «Non sei abbastanza», una grande bugia

4. «Mio padre è il padrone del mondo»

5. Amàti sempre. Così come siamo

6. Il perdono che guarisce

7. Il nostro Barabba

8. Rumore, rumore, rumore

9. Nella tenda con Gesù

10. Perdonare fa bene

11. Profugo e ricercato a 2 anni

12. Tu sei prezioso

13. I linguaggi dell'amore

14. Lasciarsi perdonare

15. Amàti nelle nostre miserie

16. Trovare il bene anche nelle difficoltà

17. Inutili rivendicazioni

18. Il nostro «condominio»

19. Amare sé per amare gli altri

20. Mettere in sicurezza il cuore

21. Un lavoro paziente

22. Emozioni e sentimenti

23. Osservare i sentimenti

24. "Io mi arrabbio perché io..." 

25. Le nostre "spie" interiori

26. Comunicare i sentimenti

27. I sentimenti "insistenti"

28. Jordan e il perdono 

29. Nella morsa del rimorso 

30. Il diritto di vivere le emozioni

31. Affrontare i sentimenti

32. Pensieri da liquidare

33. Quando i sentimenti cercano di dirci qualcosa

34. Esprimere quello che si è

35. La libertà nostra e degli altri

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente