Menu

Coronavirus, fino al 25 marzo la preghiera alla Madonna di Campagna

La proposta della comunità francescana di Piacenza

SMCampagna2

Prosegue fino al 25 marzo, solennità dell’Annunciazione, l’iniziativa di preghiera lanciata dai Francescani di Santa Maria di Campagna a Piacenza come risposta di preghiera all’emergenza sanitaria del coronavirus che ha colpito l’Italia intera.
Ai primi di marzo il superiore padre Secondo Ballati, d’intesa con il vescovo mons. Gianni Ambrosio, aveva proposto ai piacentini di affidarsi a Dio attraverso l’intercessione di Maria: “Ci affidiamo a Maria, come la Chiesa ha sempre fatto nelle circostanze speciali, perché - sono le parole di padre Secondo - ci aiuti ad affrontare coraggiosamente, oltre ogni paura, questa situazione e perché protegga e liberi da questa malattia l’intera comunità piacentina. Il ricorso alla preghiera non contraddice assolutamente la fiducia nella scienza e nell’organizzazione messa in atto dalle istituzioni. La preghiera fa appello al disegno di amore di Dio perché attraverso le complesse situazioni della storia ci conduca sempre verso il bene”.

L’invito è a pregare il rosario unendo anche questa preghiera.

Preghiera alla Beata Vergine di Campagna

Beata Vergine di Campagna,
tu hai sempre custodito, protetto e difeso la città di Piacenza:
volgi ora il tuo sguardo verso di noi,
anche se spesso abbiamo dimenticato di essere tuoi figli.
Ma Tu, Vergine Santa, continui sempre
ad essere nostra Madre e nostra speranza.
Ti preghiamo di intercedere per la città di Piacenza,
per le nostre comunità e le nostre famiglie,
preservaci dal male spirituale ma anche dalle malattie.
In particolare in questi giorni difficili
ricorriamo a Te con fiducia:
ti preghiamo di liberarci da questa malattia
che ha già contagiato tanti tuoi figli.
Trasforma le nostre paure in preghiera fiduciosa
e i nostri affanni in speranza.
Proteggi tutti coloro che si impegnano
per combattere il male e dona a tutti la tua benedizione.
Per Cristo nostro Signore. Amen.

Padre nostro, Ave Maria, Gloria.

Pubblicato il 12 marzo 2020

Ascolta l'audio

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente