Menu

Carpaneto, su WhatsApp una Parola al giorno

chiesa

Il cammino della Quaresima di quest’anno è certamente un percorso singolare, tutto differente rispetto alle tradizioni e prassi consolidate nel tempo, anche solo negli ultimi anni. Ma rimane certamente un itinerario di fede da compiere, forse ancor più in profondità, attraverso nuove o antichissime modalità di preghiera.
In modo particolare la Comunità pastorale Carpaneto Val Chero si è data alcuni appuntamenti “comuni” per cadenzare il passo del cammino personale e di ogni famiglia.
Ogni giorno, alle ore 18 il suono delle campane, invita alla preghiera del Rosario nelle case e, nello stesso tempo in chiesa, a porte chiuse, i sacerdoti celebrano la Santa Messa quotidiana, ricordando nelle intenzioni tutte le necessità di questo tempo, gli ammalati e i defunti.
Alle 19 di ogni giorno invece il suono dell’Ave Maria invita ogni famiglia a radunarsi, prima di mettersi a tavola, per pregare insieme il Padre nostro e l’Ave Maria unitamente ad una supplica appositamente composta dal parroco don Giuseppe Frazzani.
Altra iniziativa, attivata sin dai primi giorni della Quaresima, è l’invio ogni mattina, attraverso un apposito gruppo WhatsApp, di una Parola di vita per la giornata: un’immagine, alcuni versetti del vangelo del giorno, un piccolo commento ed una preghiera finale. Ad oggi si sono iscritti oltre quattrocento persone. Chi vuole aggiungersi al gruppo (dove tuttavia non è possibile interagire ma solo ricevere i messaggi) può farne domanda contattando la Canonica di Carpaneto.
Ogni domenica mattina poi, dalle 9 alle 11.30 è esposto il Santissimo Sacramento per la preghiera personale.
In chiesa sono sempre a disposizione, e possono essere portati a casa, fascicoli settimanali per la preghiera e la riflessione a partire dal Vangelo della liturgia domenicale.

Pubblicato il 18 marzo 2020

Ascolta l'audio   

Ascolta l'audio   

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente