Menu

In famiglia il canto diventa preghiera

dalcorso

Il primo video con la supplica “Dal tuo celeste trono” l’hanno girato domenica, condividendolo sui gruppi WhatsApp con gli amici del coro e della Fraternità di Comunione e Liberazione di cui fanno parte. Poi l’amico don Paolo Mascilongo, parroco di San Sisto, ha chiesto di poterlo postare sul sito della parrocchia ed è stato condiviso da tanti. Ieri, in vista della iniziativa di preghiera del rosario lanciata dal Papa, hanno proposto un’Ave Maria.
La famiglia di Tiziano e Mery Dal Corso hanno scelto la comune passione per la musica e il canto per diventare testimoni di speranza. «All’inizio era solo per gli amici, non possiamo più incontrarci, c’è tanto scoramento: anche ieri è mancato il marito di una collega, altri hanno perso i genitori... Si sente il bisogno di chiedere aiuto».
Con Mery e Tiziano ci sono le figlie minori, Maria, 16 anni, studentessa al “Gioia”, che suona il violino, e Lucia, al terzo anno di Fisioterapia, diplomata in flauto al Conservatorio “Nicolini”. Manca Elisa, studentessa di canto lirico a Milano, in Erasmus negli Stati Uniti – dovrebbe riuscire a rientrare lunedì – e volto noto ai piacentini per le sue brillanti interpretazioni in tanti musical di successo con la compagnia IViaggiattori, tra le fondatrici con la sorella Lucia dei Lucky Fella. «Spero di poter presto essere a cantare insieme a loro», è l’auspicio di Elisa dal suo profilo Facebook. 
Tiziano e Mery - entrambi nel coro di Cl, con Tiziano che si alterna alla direzione con il musicista della "Cherubini" Francesco  Ferrati - non pensavano certo a una programmazione o a gesti eclatanti quando hanno pensato con le figlie di girare i video. Ma la musica va dritta al cuore. “Chi canta, prega due volte”, diceva Sant’Agostino. Anche un video di famiglia in questo periodo difficile può diventare aiuto per tutti a tenere alto lo sguardo.

Barbara Sartori

Pubblicato il 20 marzo 2020.

Ascolta l'audio

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente