Menu

«Guardiamo a Cristo Risorto»

Il Vescovo oggi a mezzogiorno in pellegrinaggio al cimitero urbano 

Benediz

«Quando sarà finita questa durissima prova, celebrerò una messa di suffragio per tutti i defunti proprio al centro del cimitero, invitando la popolazione a partecipare»: lo ha assicurato il vescovo Gianni Ambrosio ai Sergio Fossati e Cesare Scita, diaconi della cappellania del cimitero urbano, che lo hanno affiancato oggi a mezzogiorno nella visita al principale camposanto della città. 

«Il dolore è grande, tutti abbiamo amici o familiari che ci sono stati portati via dal coronavirus in modo repentino e che non abbiamo neppure potuto onorare con il funerale: per molti è ulteriore motivo di angoscia», riconosce monsignor Ambrosio. Se non manca la comunione nella preghiera, è pur vero – ammette – che abbiamo bisogno di segni. «Ho accolto pertanto volentieri l’invito della presidenza della Conferenza Episcopale Italiana, chiedendo che anche i parroci, ove possibile, compissero un analogo pellegrinaggio, pregando per coloro che vengono tumulati e per quanti vengono cremati».

Lo stesso monsignor Ambrosio è stato colpito a inizio marzo dalla perdita della mamma Caterina, 100 anni, che da quando si era trasferito a Piacenza viveva con lui in Episcopio. La sua partecipazione al dolore di tanti è quindi quella del pastore ma pure quella del figlio. «La missione – riflette – passa anche attraverso la nostra personale sofferenza: le parole di speranza e conforto che riusciamo a dire sono parole che provengono da un cuore ferito ed oggi tutti abbiamo il cuore ferito, è un periodo di tenebre». Ma l’oscurità non ha l’ultima parola. Il Vescovo, dalla chiesetta del cimitero intitolata a Santa Maria del Suffragio, lo ribadisce: «La nostra forza viene da Cristo Risorto, ci sostiene nella battaglia che stiamo combattendo».

Nella foto di Pagani, mons. Ambrosio con i due diaconi permanenti cappellani del cimitero urbano Cesare Scita (a sinistra) e Sergio Fossati durante la preghiera e la benedizione di oggi.

Barbara Sartori

Ascolta l'audio

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente