Menu

Dalla radio a Facebook, la messa che unisce i cuori di Bettola

Il racconto di don Angelo Sesenna, Marilena Gracchi e Giorgio Carrara

bettolaRadio

I social network ai tempi del coronavirus sono uno strumento di comunicazione indispensabile, una vera e propria rete di salvataggio per le relazioni interpersonali.

WhatsApp, Facebook, Instagram ci permettono di rimanere connessi, in tutti i sensi, e di portare avanti attività che altrimenti, per rispetto delle normative vigenti, si sarebbero dovute fermare.

Celebrare la messa online, ad esempio, è diventata prassi comune nei giorni dell’emergenza sanitaria che non consente assembramenti: la pagina Facebook “Beata Vergine della Quercia – Patrona della Valnure”, ad esempio, trasmette quotidianamente le funzioni in diretta dal santuario.
“È stata la naturale evoluzione della nostra radio parrocchiale, nata 15 anni fa per permettere di seguire la messa anche a chi non poteva muoversi di casa, ad esempio gli anziani del paese. – racconta Marilena Gracchi, amministratrice della pagina.
“Oggi che tutti ci troviamo impossibilitati a lasciare le nostre abitazioni, la pagina Facebook del santuario è una sorta di punto di ritrovo virtuale, e l’appuntamento giornaliero della messa un modo per confortarsi a vicenda e vivere più serenamente la propria fede”.

La “vecchia” radio comunque è ancora il canale attraverso cui viene trasmessa la diretta della celebrazione, poi riversata online.
È Giorgio Carrara, “pensionato che lavora più di prima” (così recita la sezione Informazioni del suo profilo Facebook), a curare fin dall’inizio la parte tecnica della messa “on air”.
Dalla sua “postazione artigianale” ricavata in casa organizza anche la quotidiana diretta Facebook, che arricchisce sovrapponendo alle parole di don Angelo Sesenna immagini sacre e del santuario della Beata Vergine.
“La nostra radiolina inizialmente aveva un raggio di 5 km - racconta Carrara -, oggi con i social non ci sono limiti. È un modo per sentirsi vicini tra noi, ma anche per chi si trovasse ovunque nel mondo di avere un contatto con la Valnure".

La messa delle 10 al santuario bettolese si celebra dal 16 marzo scorso, e ogni giorno il parroco don Angelo dedica la funzione a un diverso Comune della Valnure.
“Spero che poter seguire la messa, ora anche online, serva a portare un po’ di conforto ai miei parrocchiani – dice don Angelo -. In questi giorni li sento per telefono: alcuni hanno timore di ammalarsi, per altri la paura più grande è sentirsi soli, prigionieri in casa propria o di un domani incerto. Non smettono però di affidarsi alla preghiera, ognuno nella propria abitazione. Io ogni giorno alle 10 suono le campane per annunciare la messa, ma anche per far sentire ai cittadini la presenza della Chiesa, della parrocchia, della comunità, che non è distrutta ma anzi, quanto mai presente, unita col cuore e con la mente”.

Laura Parmeggiani

Clicca qui per vedere e scaricare le celebrazioni del triduo pasquale e di Pasqua trasmesse su Facebook e via radio parrocchiale

Pubblicato il 10 aprile 2020

Ascolta l'audio

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente