Menu

Senza lo Spirito ci sono gelosie e invidie

messa 17 maggio1

Nella sesta domenica di Pasqua il 17 maggio il vescovo mons. Gianni Ambrosio ha celebrato, ancora nella Cattedrale deserta la messa che, dalla prossima solennità dell’Ascensione, sarà vissuta anche in tutte le parrocchie riprendendo la prassi abituale interrotta dal coronavirus.

“Il Vangelo - ha commentato il Presule - presenta Gesù nel Cenacolo mentre affida ai suoi discepoli le sue ultime parole prima del momento drammatico della passione”. Cristo invita gli apostoli - ha precisato il Vescovo - a riconoscere di essere amati da Dio. Il termine amore - ha aggiunto - è all’inizio e alla fine del discorso di addio di Gesù.

“Accogliamo con cuore grato e riconoscente - ha proseguito - il dono dell’eucaristia che è rendimento di grazie”. L’amore - per mons. Ambrosio - ha bisogno, sull’esempio di Gesù che ha lavato i piedi agli apostoli, di essere coniugato nel servizio e nella carità. Perché solo nella pratica concreta dell’amore si avverte la presenza di Dio.

L’altro aspetto significativo del Vangelo è - secondo il Presule - la promessa dello Spirito Santo che non ci lascia orfani. È una promessa di consolazione e di speranza che dà luce e forza nelle prove della vita.

“Lo Spirito - ha continuato il Vescovo - è un maestro interiore che ci insegna a vivere bene, ci dona le motivazioni del nostro agire e ci fa comprendere che non siamo in balia delle onde anche se il mare è spesso agitato”.

Grazie alla forza dello Spirito - ha ricordato - le persone sono in comunione tra loro senza gelosie, invidie e polemiche. Camminano nella pace e nella concordia come Maria che è stata docile alla voce del Paraclito.

Al termine della celebrazione, annunciando la ripresa, in tutte le parrocchie, della messa con il popolo, a partire dal 18 maggio, il Vescovo ha però sottolineato che l’Eucaristia domenicale delle 11 in Cattedrale, continuerà ad essere trasmessa via streaming sul sito della diocesi e anche dall’emittente locale Telelibertà.

Riccardo Tonna

Pubblicato il 17 maggio 2020

Ascolta l'audio   

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente