Menu

«Io Pinocchio», le prossime tappe in diocesi

ioPinocchio

Sarà nei prossimi giorni nella parrocchia di Gossolengo (4-11 marzo) la mostra itinerante “Io Pinocchio”.
Successivamente farà tappa nelle parrocchie di San Francesco a Piacenza (12-19 marzo) e Besenzone (20 marzo-2 aprile).

La mostra itinerante era stata realizzata in occasione dell’ultima edizione del Meeting per l’Amicizia tra i popoli e ben si inserisce nell’ambito del programma pastorale di quest’anno della nostra diocesi, “Figli nel Figlio”.
“Tutto quel che Pinocchio vive, gli accade perché si allontana dal padre. Eppure Geppetto non taglia mai i legami, sempre si lascia commuovere da quanto succede al burattino e gli dà l’occasione di ricominciare da capo”, così la curatrice Emma Bacca sintetizza l’essenza della mostra.
La mostra, attraverso i suoi pannelli che presentano disegni e parole (tutti i testi sono tratti in originale dalla fiaba di Collodi), ripercorre la storia del famoso burattino permettendo di scoprire il significato di essere figlio. Si può così rivivere la storia e contemporaneamente fare esperienza di cosa voglia dire essere figli ed essere padri.
“Forse non è evidente a tutti, ma Pinocchio porta con sé l’ipotesi della tradizione cristiana di essere figlio e solo nel momento in cui la realizza pienamente, può riscoprirsi bambino - annota don Mascilongo, direttore dell’Ufficio Catechistico della nostra diocesi -. Un Pinocchio vivo e bambino che svelerà a tutti i bambini e ragazzi che non c’è destino più bello dell’essere figli di un Padre che ci vuole felici”.

“Attraverso uno strumento semplice e bello - conclude il sacerdote - tentiamo di avvicinare anche i più piccoli, insieme agli adulti, catechisti o insegnanti che li accompagneranno, al tema dell’anno diocesano «Figli nel Figlio»”.

La mostra è ancora prenotabile, per le date dal 3 marzo e dal 3 al 30 aprile.
Gli interessati possono telefonare al mattino alla segreteria degli Uffici pastorali (tel. 0523.308315) oppure inviare una mail a: .

Pubblicato il 20/2/2018

Ascolta l'audio

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.