Menu

«Pacificare, ricostruire, ricucire»

Il card. Bassetti a Piacenza per l'inaugurazione de "I Misteri della Cattedrale"

14bassetti


“Il popolo italiano non ha bisogno di odio, risentimenti e rivendicazioni reciproche, e neppure di ulteriori demolizioni e vendette”: il card. Gualtiero Bassetti riprende le parole di Alcide De Gasperi per spiegare cosa possono fare i politici per il bene dell’Italia.

Il Presidente dei Vescovi italiani sarà a Piacenza nel pomeriggio di sabato 7 aprile, giorno del suo 76° compleanno, per l’inaugurazione della mostra “I Misteri della Cattedrale”.

Nell’intervista concessa a “il Nuovo Giornale”, prosegue: “Occorre abbandonare gli astratti, che sono fonte di sfiducia e disaffezione tra la gente e le istituzioni, e ripartire dai problemi concreti: giovani, educazione, famiglie, economia, quelle questioni che vediamo quotidianamente emergere nell’attività pastorale. Ogni giorno è un buon giorno per cominciare a «pacificare, ricostruire, ricucire»: questi rimangono i verbi chiave, insieme alla disponibilità, da parte della Conferenza Episcopale Italiana, di un cammino condiviso per il bene comune, come i Vescovi italiani fanno da sempre”.

All’indomani delle elezioni del 4 marzo, il card. Bassetti aveva lanciato un appello al bene comune: “A un futuro governo dico soprattutto di essere totalmente al servizio della gente e di adottare quello che noi, anche nella dottrina sociale della Chiesa, chiamiamo il bene comune”.

Nato nel 1942 a Popolano di Marradi, in provincia di Firenze, prete dal 1966, è stato vicario generale a Firenze, poi vescovo a Massa Marittima-Piombino, Arezzo-Cortona-Sansepolcro e infine Perugia-Città della Pieve. Elevato cardinale nel 2014, dal maggio 2017 è presidente della CEI.

Pubblicato il 5 aprile 2018

Ascolta l'audio

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.