Menu

45natale17

45nativita

“Il Verbo si è fatto carne”: è questo il titolo dell’opera della pittrice piacentina Lucia Merli con la quale auguriamo un Sereno Natale ai visitatori del nostro sito e ai lettori del nostro giornale.

“Ho voluto rappresentare il Santo Natale - commenta l’autrice del dipinto -, l’evento più straordinario della storia umana. Dio Padre che ho rappresentato come sfera luminosa, manda nel mondo il Figlio da Lui generato (Gesù il Salvatore, seconda Persona della Santissima Trinità) per riscattare mediante il suo sacrificio perfetto l’intera umanità decaduta per colpa del peccato originale”.
“Gesù - aggiunge Lucia Merli - prende carne nel grembo verginale di Maria, l’Immacolata, per opera dello Spirito Santo rappresentato da una colomba. Nasce come ogni uomo nel calore di una famiglia amorosissima e santa: Giuseppe è il padre putativo, Maria la mamma immacolata che lo accompagnerà per tutta la vita fin sotto alla Croce Redentrice”.
“Gesù - conclude l’autrice - tiene tra le mani il mondo che attende la sua seconda ed ultima venuta. L’atmosfera natalizia è piena di gioia e speranza a cui anche la natura, simboleggiata da bianche stelle di Natale e piccoli fiocchi di neve sembra partecipare”.

Abbiamo voluto unire questo dipinto, proposto nella foto di Carlo Pagani, alle parole pronunciate all’Angelus di domenica 17 dicembre da papa Francesco. “Quando pregherete a casa, davanti al presepe con i vostri familiari, lasciatevi attirare dalla tenerezza di Gesù Bambino, nato povero e fragile in mezzo a noi, per darci il suo amore. Questo è il vero Natale. Se togliamo Gesù, che cosa rimane del Natale? Una festa vuota. Non togliere Gesù dal Natale! Gesù è il centro del Natale, Gesù è il vero Natale! Capito?”.

Leggi l’articolo a pagina 2 dell’edizione di giovedì 21 dicembre 2017

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.