Menu

logo new2015 okabbonamenti banner 750

Aperte le prenotazioni per la mostra interattiva

3inFugadaSiria

Un gioco di ruolo per mettersi nei panni di uno dei nove milioni di siriani che hanno abbandonato la loro patria per fuggire dalla guerra. Farà tappa a Piacenza per iniziativa della Caritas diocesana “In fuga dalla Siria”, la mostra interattiva ideata a Reggio Emilia da “Granello di Senapa” grazie al finanziamento di un progetto Cei 8 per mille di Caritas Italiana.

Se a dover fuggire dalla tua patria fossi tu, come ti comporteresti?
Se il tuo Paese fosse la Siria, e il tuo Paese fosse sotto le bombe, dove andresti? A chi chiederesti aiuto?
Per cosa useresti i tuoi risparmi di una vita?
Quanto le tue scelte assomiglierebbero a quelle dei profughi o richiedenti asilo che arrivano in Europa e in Italia?
Sono alcune delle domande di fronte a cui si troverà il giocatore. Davanti ad una serie di pannelli vengono proposte delle situazioni da affrontare e si chiede di prendere delle decisioni: dalle decisioni dipende l’esito del loro percorso di migranti.

A Piacenza sarà possibile farsi coinvolgere in questo percorso dal 6 al 16 marzo al centro “Il Samaritano” di via Giordani 12.
La proposta è pensata per visitatori dai 17 anni in su.
L’ingresso è gratuito, ma occorre prenotare la visita entro il 25 febbraio segnalando se si è un singolo, una famiglia, una classe o un gruppo, oltre ad indicare il giorno e l’orario preferito (la mostra è aperta dalle 8 alle 22).
Per prenotazioni ed informazioni si può scrivere all’indirizzo e-mail o telefonare allo 0523.332750.

SI CERCANO VOLONTARI. Il 6 marzo l’équipe di “Granello di Senapa” sarà a Piacenza per allestire la mostra.
La giornata è occasione per formare coloro che volessero dare disponibilità di qualche ora del loro tempo per aiutare ad animare il percorso e garantire l’apertura. Basta segnalarsi contattando Caritas ai recapiti indicati sopra per le prenotazioni.

Ascolta l'audio

Pubblicato il 28/1/2018

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.