Menu

logo new2015 okabbonamenti banner 750

Antonio Lanfranchi.
"Dobbiamo essere di Cristo,
non di noi stessi!"

2Lanfranchi COP

Mons. Antonio Lanfranchi era nato in un piccolo paese dell’Appennino in provincia di Piacenza: Grondone di Ferriere. 
Dopo l’ordinazione sacerdotale, il 4 novembre 1971, la sua vita è stata un susseguirsi di ruoli accademici e pastorali sempre più impegnativi. Ruoli che non ha mai cercato, ma che ha sempre accolto con dedizione e spirito di servizio, caricandosi di ogni difficoltà e responsabilità. 

Per i giovani è stato il “Tom”, un gigante buono da cui si sentivano amati come da un padre. 
Per i piacentini è stato vicario generale, per i cesenati vescovo, per i modenesi arcivescovo. 

Quando la malattia lo colpisce, inesorabile, nel giugno del 2014, la affronta con dignità e speranza, come un bambino svezzato tra le braccia della madre. 
“Christi simus non nostri”, aveva scelto come motto del suo episcopato: “Dobbiamo essere di Cristo, non di noi stessi!”. 
Si spegne a Modena il 17 febbraio 2015.

L'AUTRICE.
Lucia Romiti, laureata in filosofia all’Università degli studi di Macerata e giornalista, 
è redattrice della rivista del Rinnovamento nello Spirito Santo,
collabora con il settimanale della diocesi di Piacenza-Bobbio “Il Nuovo Giornale” 
e con alcune testate locali marchigiane.
Per la collana “Testimoni della fede” de “Il Nuovo Giornale” è autrice delle biografie 
di San Damiano di Molokai, Santa Teresa Couderc, Don Angelo Lolli, Teresa Maruffi, 
Fra’ Serafino da Pietrarubbia, Padre Giuseppe Bocci, Celestina Donati, Pio X (per ragazzi).
Per la collana “I santi in tasca” è autrice delle biografie di Giovanni Paolo II, 
Zelia e Luigi Martin, Padre Pio da Pietrelcina, Santa Teresa Benedetta della Croce, 
Pio X, 
Paolo Burali e Andrea Avellino.
Per la collana “Il centuplo quaggiù e l’eternità” è autrice del libretto dedicato a don Luigi Bergamaschi.

Antonio Lanfranchi.
"Dobbiamo essere di Cristo, non di noi stessi!"
Supplemento a "il Nuovo Giornale" di venerdì 19 febbraio 2016

Disponibile in redazione (Piacenza, via Vescovado 5)
Per informazioni: tel. 0523.325995 -

Leggi l'articolo pubblicato su "il Nuovo Giornale" del 19 febbraio 2016

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.