Menu

logo new2015 okabbonamenti banner 750

Mini viaggio nella storia del nostro settimanale

Il nostro settimanale nel 2010 ha compiuto cento anni: il primo numero usciva il 6 gennaio 1910. 

 Per festeggiare l'evento, nel marzo 2010, "il Nuovo Giornale" ha organizzato un convegno nazionale a cui sono stati invitati, tra gli altri, anche i direttori dei settimanali cattolici italiani aderenti alla Federazione dei settimanali cattolici italiani  (una realtà editoriale che in Italia “tira” ogni settimana un milione di copie). E' stata anche l’occasione per approfondire temi connessi alla comunicazione cattolica nazionale e locale: quello del giornalismo è un settore che tutti pensano di conoscere, ma  l’operazione non è poi così facile.

Restiamo ai nostri cento anni: celebrare un compleanno impegnativo, come quello di un secolo, comporta fatalmente il dover compiere un esame di coscienza sul cammino compiuto e, nel nostro caso, abbiamo dato l’incarico a Fausto Fiorentini di ricostruire la nostra storia. E Fiorentini lo ha fatto con un libro, stampato grazie al contributo della Banca di Piacenza. E’ un libro piuttosto corposo e nessuna pretesa che i nostri lettori si sentano in dovere di leggerlo: per questo abbiamo chiesto all’autore di presentarci, in alcune pagine che appariranno sul giornale in questi mesi, se non proprio la sintesi, almeno alcuni spunti sulla storia del nostro settimanale, quotidiano dal 1910 al 1926.

Vi presentiamo ora il nostro mini viaggio  nel giornalismo cattolico piacentino: Fiorentini si sofferma sui giornali cattolici piacentini che sono usciti nella seconda metà dell’Ottocento - primi del Novecento, prima del Nuovo Giornale; prende poi in considerazione le origini della Testata fino alle dimissioni del direttore Francesco Gregori, vittima del fascismo; passa successivamente a trattare degli anni tra fascismo  e democrazia con l’avvento della repubblica (sono gli anni della direzione Tonini); sarà poi la volta dei direttori Formaleoni-Venturini e di Ciatti e infine la situazione attuale.

 

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.