Menu

logo new2015 okabbonamenti banner 750

Contributi ad hoc dalla Regione per i cori piacentini

coro gerberto e accompagnatoi in piazza rossa 35 1024

Il recente successo a Mosca del coro Gerberto diretto dal maestro Mazzoni è stato motivo d’orgoglio e l’occasione per porre l’attenzione sul prezioso patrimonio di tradizioni di cui i cori di montagna sono portatori nel territorio piacentino. “Il trionfo della formazione bobbiese al concorso internazionale è un riconoscimento importante che pone l’accento sul valore del canto popolare folkloristico”. È con questa premessa che i consiglieri regionali Gian Luigi Molinari e Katia Tarasconi spiegano il contenuto della risoluzione in cui si chiede siano attivate misure specifiche a favore dei cori di montagna, nell’ambito della programmazione della legge sulla musica. “Questo significa – spiegano – una definizione ad hoc dei criteri e delle modalità di accesso ai contributi previsti dalla Legge sulla musica, attraverso progetti di promozione delle tradizioni musicali locali, ma soprattutto della valorizzazione delle tradizioni musicali della montagna”. Secondo i consiglieri, i canti popolari rappresentano la più antica e radicata forma di trasmissione della storia, anche della lingua dialettale, in molte zone del nostro Appennino. “Tradizioni che non vanno disperse, essendo una vera e propria espressione culturale e patrimonio delle comunità montane. Non lasciamo che passi il messaggio che siano anacronistici, ma permettiamone la continuità: Gerberto e gli altri sono radici vive che ci ricordano chi siamo e da dove veniamo”, sottolineano.
Le associazioni e i gruppi che in diverse sedi e luoghi svolgono attività coreutica in Emilia-Romagna sono moltissime, nello specifico l’AERCO, l’Associazione emiliano-romagnola dei Cori, conta 212 cori associati. Su tutto il territorio piacentino sono 18. A Bettola c’è il coro A.N.A. Valnure; a Bobbio il Coro Gerberto; a Casaliggio (nel Comune di Gragnano Trebbiense) ci sono I Cantori di Casaliggio; a Cortemaggiore la Corale Cortemaggiore; a Ferriere il Coro Polifonico Le Ferriere; a Fiorenzuola d’Arda la Corale Città di Fiorenzuola, il Coro Folk Città di Fiorenzuola e il Coro Vallongina; a Gragnano Trebbiense il Coro San Michele Arcangelo; a Lugagnano Val d'Arda il Coro Montegiogo; a Piacenza l’Ass. Musicale Incanto Libero, il Coro CAI Piacenza, il Coro Polifonico Basilica Santa Maria di Campagna e il Coro Polifonico Farnesiano; A Podenzano il Coro Schola Cantorum e il Gruppo Vocale Gospel New Sisters; a Ponte dell’Olio il Coro Montenero; a S. Giorgio Piacentino la Schola Cantorum.

Pubblicato il 16 maggio 2018

Ascolta l'audio

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.