Menu

logo new2015 okabbonamenti banner 750

Paolo Burali e Andrea Avellino



Burali Avellino cop

Paolo Burali
Andrea Avellino.
Una storia di santità
nella Piacenza di fine ’500

di Lucia Romiti
Ed. il Nuovo Giornale - Nuova Editrice Berti

pagine 80 - euro 5,00
Collana "I Santi in tasca"

CLICCA QUI PER SCARICARE
UN CAPITOLO DEL VOLUME

Due uomini del Diritto, due religiosi Teatini decisi a seguire il Cristo delle origini, due grandi amici legati da stima, affetto, scambio reciproco nell’edificazione spirituale, due riformatori.
Paolo Burali e Andrea Avellino appartengono a quella Chiesa di fine ’500 alle prese con un rinnovamento che passa per la moralizzazione dei suoi uomini.
Il primo, Burali, è uomo di governo fermo e deciso, chiamato a condurre le istituzioni.
Il secondo, Avellino, è un formidabile confessore di anime chiamato a guidarle nelle fatiche della vita. È il direttore spirituale di poveri e ricchi, di nobili e di potenti.
A Piacenza, Burali arriva nel 1568 e vi rimane per otto anni, prima come vescovo poi come cardinale. Applicando in città la Riforma tridentina, il suo primo pensiero è la fondazione del Seminario per il quale, come direttore spirituale, sceglie proprio Andrea Avellino.
Le spoglie dei due amici sono conservate nella basilica di San Paolo Maggiore, a Napoli, dove si erano conosciuti.

romitiL'AUTRICE - Lucia Romiti, laureata in filosofia all’Università degli studi di Macerata e giornalista, è redattrice della rivista del Rinnovamento nello Spirito Santo, collabora con il settimanale della diocesi di Piacenza-Bobbio “Il Nuovo Giornale” e con alcune testate locali marchigiane. Autrice, per la collana “Testimoni della fede” de “Il Nuovo Giornale”, di numerosi testi su santi e beati; per la collana “I santi in tasca” è autrice delle biografie di Giovanni Paolo II, Zelia e Luigi Martin, Padre Pio da Pietrelcina, Pio X e Paolo Burali e Andrea Avellino.