Menu

logo new2015 okabbonamenti banner 750

Gregorio X



GregorioX cop

Gregorio X.
Il Papa del dialogo

di Barbara Sartori
Ed. il Nuovo Giornale
con il contributo di
Università Cattolica del Sacro Cuore
e Rotary Club Piacenza Farnese
pagine 96
Collana "I Santi in tasca"

CLICCA QUI PER SCARICARE
UN CAPITOLO DEL VOLUME

Era un uomo tutto d’un pezzo, il beato Gregorio X, al secolo Tedaldo Visconti, l’unico piacentino mai divenuto Papa.
Erede di una delle famiglie più illustri di Piacenza, poteva scegliere una vita comoda, tra gli agi e gli onori. Invece imbocca la via del servizio alla Chiesa, nella fedeltà al Vangelo e nell’umiltà, prima come canonico della basilica di Sant’Antonino a Piacenza, poi come arcidiacono a Liegi, infine nell’amata Terra Santa, dove, nel 1271, lo coglie di sorpresa la nomina al Soglio di Pietro, dopo tre anni di stallo dovuti alle rivalità interne al collegio cardinalizio.
In secoli di lotte sanguinose, Gregorio X operò solo e soltanto per il dialogo – con l’Imperatore, con i fratelli della Chiesa ortodossa, con i tartari del Levante – aggrappato al crocifisso con cui affrontava le turbolenze del suo tempo.
“È cosa non facile, anzi difficilissima, anzi direi assolutamente impossibile, avere un cuore infiammato per l’ideale della pace come Gregorio”, ebbe a commentare alla sua morte, nel 1276, l’arcidiacono di Costantinopoli Giorgio Metochita.

barbaraL'AUTRICE - Barbara Sartori, giornalista professionista, laureata all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, è redattrice del settimanale della diocesi di Piacenza-Bobbio Il Nuovo Giornale e collabora con Avvenire.
Per “I Santi in tasca” ha scritto “Madre Teresa di Calcutta”, “Suor Leonella Sgorbati”, “Gregorio X” e “Bertilla Antoniazzi”.
Per la collana “Testimoni della fede” de Il Nuovo Giornale è autrice delle biografie di S. Francesca Saverio Cabrini, S. Angela Merici, Serafina Farolfi, Giuseppe ed Assunta Marchetti, S. Michele Arcangelo, S. Raffaele Arcangelo. 
Per le “Paoline” ha scritto le biografie della beata Margherita di Città di Castello, di Sant’Agnese Segni e di San Colombano.