Menu

logo new2015 okabbonamenti banner 750

Per dirla con uno slogan: Santi non si nasce, si diventa. Giorno dopo giorno, tra le pieghe della vita, nei momenti di gioia e in quelli di dolore, nei giorni di luce e in quelli di tenebra, la santità è un piatto che dall’Alto viene servito a tutti. La santità è per tutti. Non per alcuni. In fondo la vera chiamata dei figli di Dio è proprio questa: farsi santi, come il nostro Signore Dio è santo.

Erroneamente siamo portati a pensare che i santi siano vissuti solo sui libri che ne raccontano le gesta, o sui santini che li rappresentano. I santi invece, sono persone impastate di terra e di cielo esattamente come noi. Hanno camminato per le stesse vie del mondo sulle quali camminiamo noi, hanno pianto, hanno riso, si sono arrabbiati, innamorati, hanno commesso errori e peccati. Esattamente come tutti gli altri. Un’unica differenza io vedo tra noi e loro: tutti sbagliano e cadono, ma ciò che distingue un santo da uno che non lo è, è la velocità con cui, dopo una caduta il santo si rialza e riprende il cammino. Perché? Semplice. Perché il santo sa guardare in Alto, sa che la sua fiducia è in Dio, che i suoi giorni sono nelle mani di un Padre infinitamente buono e misericordioso, al quale giorno dopo giorno lui rinnova il suo Sì. Tutto qua.

Scrivere sui santi è anzitutto un dono per chi, come me, ha avuto occasione di farlo. Studiare la vita di un santo, è una grande ricchezza. Si impara che la santità non nasce lassù nel cielo, ma al contrario, quaggiù sulla terra, nelle mille situazioni della quotidianità e molto spesso in mezzo a enormi difficoltà. I santi sono nostri amici, ci sono vicini, ci comprendono perché la loro vita è tanto simile alla nostra. Anche loro hanno avuto dubbi, delusioni, sofferenze, reazioni sbagliate, incomprensioni. Solo che loro, anziché abbattersi o ripiegarsi su se stessi, hanno sempre tenuto fisso lo sguardo in Dio e si sono lasciati plasmare e modellare dall’Amore di Dio, che fa nuove tutte le cose.
Studiando la vita di tanti santi ho potuto osservare un altro particolare interessante: ho notato che mentre io voglio condurre la barca della mia vita dove decido io, i santi accettano di lasciarsi condurre dal vento ora soave ora impetuoso dello Spirito Santo. E così prendono il largo, vanno lontano, si immergono nel grande oceano dell’Amore di Dio. E già sulla terra, pur tra le mille sofferenze della quotidianità, loro riescono ad assaporare la gioia del Paradiso. E fanno grandi cose, in nome di Dio, per la sua maggior gloria.

Avere un santo per amico è bello. I santi ci mostrano il cammino, ci accompagnano, ci danno l’esempio. Ci avvicinano a Dio.

Diventa amico dei santi e la tua vita avrà un sapore diverso, più intenso, più vero. I santi rappresentano un ponte tra la terra e il cielo. Un ponte da percorrere, per arrivare anche noi in alto. Senza paura, senza timore. Nella certezza che Dio chiama alla santità anche me e anche te....

Buon Paradiso a tutti!

Gaia Corrao






Gaia Corrao, giornalista, laureata in Giurisprudenza all'Università di Pisa, Master in Teologia del matrimonio e della famiglia al Pontificio Istituto Giovanni Paolo II di Roma, per la Collana "I Santi in Tasca" è autrice del libretto dedicato a San Colombano.
Ha curato varie biografie della collana "Testimoni della fede" ed è autrice di alcuni libri, tra i quali "Dio ha bisogno di te", "Dio ti prende per mano", "Tonini il grande".

GP2 cop

MadreTeresa cop

martin cop

suorLeonellaCOP

padrePio cop

stein cop

bertilla cop

Colombano cop

Burali Avellino cop

Bertolotti cop