Menu

Bulla, Pinalli e Programma Auto per l'Hospice

hciconcorso

Fino al 31 dicembre facendo acquisti da Bulla Sport, Profumerie Pinalli e Programma Auto si può aiutare l’Hospice di Piacenza “La Casa di Iris”: ogni 100 euro di spesa, i clienti riceveranno una cartolina per partecipare ad una lotteria a premi che prevede per il primo classificato una Cinquecento Fiat. Per ciascuna cartolina assegnata, una quota tradotta in valore monetario sarà devoluta alla struttura piacentina.

L’estrazione finale della lotteria avverrà nella prima settimana di gennaio 2019.

"Contiamo, senza esagerare, di riuscire al termine dell’iniziativa di raccogliere una cifra che si aggira sui diecimila euro", affermano i tre titolari dei negozi e ideatori dell’iniziativa, Valter Bulla, Luigi Pinalli e per Programma Auto Pier Giorgio Zambelli.
"Per noi è un momento storico: riuscire a mettere insieme i commercianti non è semplice - proseguono -. Ma, per una causa come quella dell’Hospice, abbiamo superato tutte le difficoltà. I piacentini si sono resi conto dell’importanza di ricevere un’assistenza così mirata nei momenti in cui la vita ti mette davvero alla prova. L’umanità e la professionalità che ci viene testimoniata purtroppo da amici e conoscenti, quando non tocca addirittura i nostri familiari, è un segnale di quanto sia fondamentale mantenere vivo l’Hospice, oggi e in futuro».

Le cartoline sono pronte nei negozi che partecipano all’iniziativa: Bulla Sport a Piacenza, cinque punti vendita di Pinalli Profumerie (tre negozi a Piacenza, uno a Fiorenzuola e uno a Fidenza) e tre di Programma Auto (2 a Piacenza e 1 a Montale).

Il presidente della Fondazione “La Casa di Iris” Sergio Fuochi è particolarmente colpito dall’iniziativa: «Per noi è davvero complicato riuscire a coinvolgere il mondo imprenditoriale e del commercio. Sono tante, ovviamente, le associazioni di volontariato che hanno bisogno di solidarietà. Non c’è dubbio che i singoli cittadini e le famiglie abbiamo compreso a fondo il valore dell’Hospice. Mi auguro che in futuro altri commercianti e imprenditori possano seguire la traccia indicata da questo Concorso».

Pubblicato il 4 ottobre 2018

Ascolta l'audio

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.