Menu
logo new2015 ok logo appStore logo googleStore
  • 1
  • 2
Prev Next

Radio Maria: servono volontari per trasmettere a Pasqua

43radioMaria


Un gruppo di persone collega le chiese di Piacenza e Lodi con tutta Italia. È il compito dello Studio Mobile di Radio Maria, composto dai podenzanesi Piero Cadamagnani, Antonio Fiorani e Claudio Passerini e dal piacentino Marco Cavalli. Sono uno dei tanti distaccamenti sul territorio italiano della celebre radio cattolica, che ha 3 milioni e mezzo di ascoltatori.

Lo studio mobile trasmette la messa, che su Radio Maria viene diffusa nei giorni feriali alle 7.30 (rosario, celebrazioni e lodi) e alle 16.40 (rosario, messa e vespri); la domenica alle 8, alle 10.30 e alle 16.40.

Piero, Marco, Antonio e Claudio sono tutti volontari. Qualche tempo fa dalle colonne de “Il Nuovo Giornale” avevano chiesto rinforzi. Ora lanciano un appello per il giorno di Pasqua.
“Quest'anno – spiega il giovanissimo Marco Cavalli - a noi dello studio mobile di Piacenza-Lodi è capitato l'arduo compito di trasmettere in collegamento diretto la messa pomeridiana festiva di Pasqua delle 16.30. Il giorno di Pasqua è sicuramente un evento bellissimo, ma per noi è particolarmente problematico perchè i nostri ascoltatori pretendono più del solito. In giornate come queste è difficile portare a termine collegamenti realizzati con la solita qualità organizzativa, visto che le persone che solitamente collaborano con noi sono già impegnate con le rispettive parrocchie di appartenenza e si rendono difficilmente disponibili”.

Lo studio mobile di Piacenza-Lodi cerca perciò qualche volontario che possa dare una mano e permettere il collegamento a Pasqua.
“Quest’anno trasmettiamo dalla casa provinciale delle suore missionarie di San Carlo Borromeo- Scalabriniane, avremmo bisogno di un aiuto per piazzare le apparecchiature e controllare che le cose vadano bene durante la diretta”.
Chi è disponibile ad aiutare il gruppo di Radio Maria può scrivere alla mail .

F.M.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente