Menu

logo new2015 okabbonamenti banner 750

  • 1
  • 2
  • 3
Prev Next

Festa al santuario della Madonna del Castello di Rivergaro

castello

C’è attesa a Rivergaro per la tradizionale festa settembrina del santuario della Madonna delle Grazie. Luogo di antica devozione e meta di continui pellegrinaggi, l’edificio religioso, noto anche con il nome di santuario del Castello, originariamente era la cappella annessa ad un castello costruito sul colle detto di San Giacomo tra il X e il XII secolo. La festa ogni anno richiama numerosi fedeli dalla Media Val Trebbia e da altre zone limitrofe.
La festa della Madonna del Castello è preceduta dalla settimana di preghiera che inizia domenica 2 fino al 7  settembre: prevede esercizi spirituali per i parrocchiani e gli operatori pastorali  guidati da suor Lorella Mattioli terziaria francescana della Beata Angelina. In programma, Lodi, recita del Rosario, meditazione e attività per ragazzi, adolescenti ed educatori. In programma anche la visita agli anziani a Villa Verde e alla casa di riposo Gasperini.
Sabato 8, vigilia della festa,  alle ore 21, la tradizionale processione con fiaccolata dalla parrocchia di Sant’Agata di Rivergaro al Santuario, presieduta da mons. Pierluigi Dallavalle, vicario episcopale della Media-Bassa Val Trebbia.
Domenica 9 settembre, festa della Madonna delle Grazie del Castello,  le messe saranno celebrate alle ore 7.30, 8.30, 10 e 11.30 e saranno presiedute rispettivamente da padre Luigi Dal Bianco,  padre Stelio Fongaro, don Claudio Carbeni. La messa delle ore 11.30 sarà celebrata da padre Raffaello Zanella.  Alle ore 18, sempre in santuario, la celebrazione sarà presieduta da don Giuseppe Lusignani, con l’animazione della parrocchia di Pieve Dugliara. Sempre nella giornata di domenica 8, dalle ore 15 alle 17, speciale benedizione dei bambini a cura del diacono Emidio Boledi.
Infine, lunedì 10 settembre, la messa delle ore 9.30 verrà celebrata per i benefattori vivi e defunti del santuario.

Pubblicato il primo settembre 2018

Ascolta l'audio

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.