Menu

logo new2015 okabbonamenti banner 750

  • 1
  • 2
Prev Next

Ucid, Convegno nazionale a Bologna il 26 gennaio

ucid uno

Si terrà a Bologna al Centro San Domenico il 26 gennaio il Convegno nazionale a cura dell'Ucid, unione cristiana imprenditori dirigenti.
Il tema è "Credito allo sviluppo: scelte responsabili, economie civili". Apre la giornata l'arcivescovo Matteo Maria Zuppi.
Nella mattinata, con inizio lavori alle ore 9, si alterneranno tra i relatori, Fabio Panetta, vicedirettore della Banca d'Italia e Antonio Patuelli, presidente ABI.
Alla tavola rotonda siederanno: Stefano Zamagni, economista dell'Università di Bologna; Anna Maria Tarantola, componemte CdA della Fondazione Centesimus Annus e del consiglio direttivo della fondazione del Bambin Gesù e Cini; Gian Luca Galletti, presidente regionale Ucid Emilia Roagma; Albarto Vacchi, presidente Confindustria Emilia Centro; Giulio Magagni, presidente Emil Banca.
Le conclusioni saranno tenute da Maria Elisabetta Alberti Casellati, presidente del Senato.
Coordona Marco Tarquinio, direttore di Avvenire. Nella sessione mattutina è prevista la riunione dei consulenti ecclesiastici alla presenza  del cardinale Salvatore De Giorgi, consulente ecclesiastico dell'Ucid.
Il Convegno prosegue nel pomeriggio con l'apertura tenuta da Manlio D'Agostino Panebianco, segretario generale Ucid.
Alle ore 14.30 si parlerà di "Giovani e l'Ucid" con gli interventi di Enrico Geraci, Pierluigi Germani, Andrea Cotrufo, Giuliano Palazzo, Enrico Giuliani.
Alle ore 16.30 sarà la volta di "Le Donne e l'Ucid" con gli interventi di Cristina Maldifassi, Stefania Brancaccio, Daniela Gennaro Guadalupi, Lucia Gazzotti e Antonella Lambri. Le conclusioni saranno tenute da Riccardo Pedrizzi, presidente del comitato scientifico dell'Ucid.
Il Convegno si conlcude con la celebrazione della messa alle ore 18 e la cena sociale.

Pubblicato il 16 gennaio 2019

Ascolta l'audio   

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente