Menu
logo new2015 ok logo appStore logo googleStore

Giovani e adulti, il desiderio di mettersi in «ascolto»

10adulti

Giovani, adulti, il desiderio di mettersi in “ascolto” insieme e sullo sfondo un viaggio in Terra Santa che nei cuori non è mai finito. è il gruppo biblico costituito da oltre 30 giovani ed adulti originari di diverse parrocchie, che ha preso vita grazie alla collaborazione tra don Umberto Ciullo e don Michele Malinverni. Un cammino in continua trasformazione, che prosegue da oltre quattro anni, inizialmente a Roveleto ed ora presso il Seminario Vescovile a Piacenza, ma che ha visto il gruppo crescere e allargarsi, che ha dato spazio ai laici per mettersi in gioco tra lectio e meditazioni, ma che resta fedele al suo fine: mettere al centro la Parola di Dio.

Al centro il tema della Misericordia. In questo anno pastorale al centro vi è il tema della misericordia, ma nessun percorso appare scontato. “Una misericordia destrutturata, che ti porta a ripensare la tua vita daccapo; una misericordia che per essere tale, ti deve dare una scossa. - ha messo in evidenza don Michele Malinverni -. Un tema che viene affrontato attraverso lectio e meditatio di brani non convenzionali, non quelli classici”. Come classica non è la conformazione del gruppo: giovani, neo famiglie e adulti. “Nel gruppo si trovano persone raccolte dal desiderio di imparare dalla Scrittura, vivere e relazionarsi con altri. Al centro la storia di Dio, ma anche le loro vite e il loro futuro”, ha ricordato il sacerdote. Un gruppo, mai chiuso, che pone l’accento sulla Parola di Dio, “in una storia e in una geografia della salvezza”. “Una geografia della salvezza nei nostri pendolarismi, nei nostri impegni quotidiani”, ha aggiunto don Malinverni, una geografia conosciuta a Gerusalemme.

Leggi articolo alla pagina 23 dell’edizione di venerdì 18 marzo 2016

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente